News Notiziario Notizie Altri paesi Europa Intesa Sanpaolo Wealth Management apre sede in Lussemburgo rafforzando così la propria presenza nel private banking internazionale

Intesa Sanpaolo Wealth Management apre sede in Lussemburgo rafforzando così la propria presenza nel private banking internazionale

Nella giornata di oggi, a seguito dell’approvazione della Banca Centrale Europea (BCE), Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking ha formalizzato l’atto di fusione per incorporazione di Fideuram Bank Luxembourg e CBPQ, avviando così l’operatività di Intesa Sanpaolo Wealth Management, nuova denominazione attiva dal 1° gennaio 2023.

Per Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking la nascita della nuova società costituisce l’atto conclusivo del percorso avviato nel corso del 2021, con la stipula dell’accordo per l’acquisizione del 100% di CBPQ attraverso la controllata lussemburghese Fideuram Bank Luxembourg.

Nel dettaglio, l’operazione consente alla Divisione Private di Intesa Sanpaolo di ampliare il proprio supporto alla clientela High Net Worth Individual italiana ed estera, offrendo la possibilità di un ulteriore booking center interno all’Unione Europea.

Intesa Sanpaolo Wealth Management rappresenta un nuovo hub per la Divisione che, in aggiunta a Reyl Intesa Sanpaolo in Svizzera, consentirà di sviluppare l’attività di private banking internazionale in aree con prospettive di crescita promettenti, come Lussemburgo e Belgio.

La nuova banca lussemburghese beneficerà di un management team, italiano ed estero, con solide competenze nell’offerta di servizi di wealth management rivolta a investitori internazionali.

A partire già dal secondo semestre 2022 sono state attivate importanti sinergie tra l’hub lussemburghese e le reti italiane della Divisione Private Banking al fine di garantire una totale copertura dei bisogni più complessi sia della clientela istituzionale che privata, anche in relazione alle opportunità legate al family business internazionale.

Per questa operazione Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking si è avvalsa della consulenza di PwC e CM Law.