News Notiziario Notizie Inghilterra Inflazione UK lega le mani alla BoE per un rialzo di 100 pb (analisti)

Inflazione UK lega le mani alla BoE per un rialzo di 100 pb (analisti)

L’inflazione accelera ancora oltremanica segnando un +10,1% annuo a settembre, con l’aumento dei costi alimentari che ha compensato il calo dei prezzi del carburante. Anche l’inflazione core, che esclude cibo ed energia, è aumentata più del previsto, allo 0,6% su base mensile e a un tasso annuo del 6,5%.

Proprio l’inflazione core appare preoccupante come sottolinea Jamie Niven, Senior Fund Manager di Candriam. “Il mercato continuerà a prezzare un rialzo di 100 pb per la riunione di novembre della Bank of England (BoE), il che è problematico per il Comitato di Politica Monetaria (MPC) che, a nostro avviso, preferirebbe un rialzo di 75 pb, considerando il suo orientamento più dovish rispetto alle altre banche centrali nell’ultimo anno”. Tuttavia, aggiunge l’esperto di Candriam, la BoE non può permettersi di turbare nuovamente i mercati disattendendo le attese. “Continuiamo a ritenere che il tasso finale prezzato dai mercati sarà difficile da raggiungere senza colpire in modo considerevole i consumatori, con una conseguente recessione inevitabile. Il MPC ne è perfettamente consapevole, ma ha le mani legate… ancora una volta”, conclude Niven.