News Finanza Notizie Italia Imprese agricole: stangata bollette, costi aggiuntivi di almeno 8 mld all’anno. A rischio colture e allevamenti

Imprese agricole: stangata bollette, costi aggiuntivi di almeno 8 mld all’anno. A rischio colture e allevamenti

Il balzo dei prezzi dell’energia, in scia al conflitto Russia-Ucraina, mette in crisi anche le imprese agricole italiane, che vedono una bolletta aggiuntiva di almeno 8 miliardi su base annua. E’ quanto emerge dall’analisi della Coldiretti, che lancia un allarme su coltivazioni, allevamenti e industria di trasformazione nazionale in un momento storico in cui è necessario fare di tutto per garantire le forniture di cibo alle famiglie e difendere la sovranità alimentare dell’Italia.

Dall’inizio del conflitto, secondo i calcoli di Coldiretti, si è verificato un balzo medio di almeno un terzo dei costi di produzione dell’agricoltura a causa degli effetti diretti ed indiretti delle quotazioni energetiche.

“Gli agricoltori – precisa la Coldiretti – sono costretti ad affrontare rincari insostenibili dei prezzi per il gasolio che insieme ai rincari di concimi e mangimi spinge quasi un imprenditore su tre (30%) a ridurre la produzione”.

“La pandemia prima e la guerra poi hanno dimostrato che la globalizzazione spinta ha fallito e servono rimedi immediati e un rilancio degli strumenti europei e nazionali che assicurino la sovranità alimentare come cardine strategico per la sicurezza” afferma Ettore Prandini, presidente dell’associazione, nel chiedere “interventi urgenti e scelte strutturali per rendere l’Europa e l’Italia autosufficienti dal punto di vista degli approvvigionamenti di cibo investendo per aumentare produzione e le rese dei terreni”.