News Notiziario Notizie Francia Francia: possibile taglio della produzione nucleare, energia a rischio in mezza Ue

Francia: possibile taglio della produzione nucleare, energia a rischio in mezza Ue

I prezzi dell’elettricità europea salgono alle stelle dopo che il più grande produttore della regione, la Francia, ha tagliato il suo obiettivo di produzione nucleare per la seconda volta in un mese, l’ultimo segno che la crisi energetica di questo inverno è lungi dall’essere finita.

Electricite de France, l’azienda elettrica francese, ha annunciato che la sua produzione nucleare potrebbe scendere quest’anno a livelli mai visti dal 1990, e Morgan Stanley dice che c’è una “significativa probabilità” di un taglio della produzione per il 2023. Il deficit ha costretto la Francia a importare elettricità, stringendo le forniture nei paesi vicini abituati a fare affidamento sul gigante nucleare francese per mantenere le luci accese. EDF ha detto che la produzione nucleare dovrebbe scendere a 295 e 315 terawatt-ora nel 2022, da una precedente previsione di 300 e 330 terawatt-ora.

La Francia è stata il più grande esportatore netto di energia in Europa nella seconda metà dello scorso anno, inviando l’equivalente del 10% della sua domanda all’estero, secondo Enappsys Ltd. Meno produzione nucleare nel 2022 probabilmente taglierà le esportazioni verso le nazioni della Germania e del Regno Unito, aumentando la loro esposizione agli alti prezzi del gas e del carbone per le sue centrali elettriche.