News Finanza Notizie Italia Elezioni italiane: “pazienza mercati potrebbe essere messa alla prova da fattore tempo” (analisti)

Elezioni italiane: “pazienza mercati potrebbe essere messa alla prova da fattore tempo” (analisti)

“Il termometro finanziario più accurato per misurare il rischio politico italiano, ossia il livello dello spread BTP-Bund, non segnala preoccupazione da parte degli investitori per l’esito elettorale. Il mercato ha una sua razionalità: tutti gli ultimi appuntamenti politici, anche quelli che si sono conclusi con esiti teoricamente poco graditi ai mercati (referendum italiano), non hanno avuto impatti”. A dirlo Marco Piersimoni, senior investment manager di Pictet Asset Management Italia, secondo il quale “la pazienza dei mercati potrebbe essere messa alla prova dal fattore tempo: di fronte ad un esito incerto, ossia con un parlamento non in grado di esprimere una maggioranza chiara, quanto ci vorrà per formare un governo? Saranno necessarie nuove elezioni? Alla Germania i mercati hanno lasciato un beneficio a tempo indefinito, mentre per l’Italia non si potrà contare su tanta condiscendenza”.

Un primo punto importante, secondo l’esperto, sono le differenze rispetto alle elezioni presidenziali in Francia di un anno fa che sono enormi. “Il risultato non sarà interpretato come un voto di fiducia sull’Europa – aggiunge – perché è diversa l’architettura istituzionale, è diverso il contesto economico (notevolmente migliorato in tutta Europa) e questo induce gli investitori istituzionali ad essere più ottimisti. Lo spread Btp-Bund resta inoltre uno dei differenziali di rendimento più generosi: a fronte di 130bp del decennale italiano, un bond governativo spagnolo o irlandese offrono rispettivamente 80bp e 40bp”.