News Notiziario Notizie Germania Crisi energetica, Scholz: tre centrali nucleari tedesche in vista fino a metà aprile 2023

Crisi energetica, Scholz: tre centrali nucleari tedesche in vita fino a metà aprile 2023

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha ordinato di prolungare la vita delle tre centrali nucleari della Germania fino a metà aprile 2023, una drastica inversione di tendenza rispetto alla precedente decisione del vice-cancelliere e ministro dell’Economia Robert Habeck.

Mentre il Paese si trova ad affrontare una crisi energetica senza precedenti, come del resto l’intera Ue, la decisione di Scholz pone fine allo stallo tra i suoi due partner di coalizione, i Verdi e i Liberali. Mentre i Verdi di Habeck sono ideologicamente contrari all’energia nucleare, i Democratici liberi, guidati dal Ministro delle Finanze Christian Lindner, sostengono che la Germania dovrebbe usare tutta la capacità produttiva disponibile per affrontare la crisi.

Habeck, che è anche responsabile dell’energia, aveva inizialmente previsto che solo due delle tre centrali rimanenti rimanessero in funzione al massimo fino ad aprile: Isar 2 di EON SE e Neckarwestheim 2 di EnBW AG, entrambi nel sud della Germania. “È nell’interesse vitale del nostro Paese e della sua economia mantenere tutta la capacità di produzione di energia elettrica quest’inverno”, ha dichiarato Lindner. “Il cancelliere ha ora fornito chiarezza”.

Durante la convention del partito dello scorso fine settimana, i Verdi hanno nuovamente votato contro l’estensione dell’uso dell’energia nucleare. “Prendiamo atto che il Cancelliere Scholz sta esercitando la sua autorità di definire le linee guida”, ha scritto su Twitter Katharina Droege, capo del gruppo parlamentare dei Verdi.

La Germania ha accettato l’attuale tempistica per l’eliminazione graduale del nucleare all’indomani del disastro di Fukushima nel 2011, ma il governo di Scholz è stato sottoposto a crescenti pressioni per sostenere le fonti energetiche alternative che non utilizzano il costoso gas naturale.

Anche se gli impianti di stoccaggio del gas in Germania sono pieni per più del 95%, l’operatore di rete ha avvertito che potrebbe non essere sufficiente per far fronte alla domanda invernale. I quattro operatori di trasmissione della nazione hanno chiesto di mantenere in funzione tutti e tre gli impianti fino alla primavera per alleviare la crisi energetica della Germania. La decisione è un “compromesso intelligente” per salvaguardare le forniture di energia. di energia, ha commentato su Twitter Klaus Mueller, presidente dell’Agenzia federale per le reti.