News Notiziario Notizie Italia Conti: è boom dei conti deposito non vincolati

Conti: è boom dei conti deposito non vincolati

I conti deposito, strumenti di investimento capaci di riconoscere un interesse attivo sulle somme depositate, continuano ad essere molto gettonati tra gli investitori. Negli ultimi mesi emerge, però, un boom dei depositi non vincolati: sono sempre di più i clienti che desiderano avere disponibilità immediata del denaro versato. È la fotografia più recente scattata dall’Osservatorio Conti Deposito di ConfrontaConti.it.

I conti deposito liberi in cima alla classifica

Aumenta la percentuale dei depositi non vincolati che raggiunge infatti il 75,2%, mentre nel primo semestre era pari al 52,8%. Calano i conti depositi vincolati: si è passati dal 47,2% al 24,8%. Gli investitori preferiscono poter ritirare le somme versate a loro piacimento. Con un conto deposito vincolato bisogna attendere, invece, la scadenza del vincolo o pagare molto spesso una penale in caso di ritiro anticipato rispetto al termine prestabilito.

Più depositi sopra i 50mila euro

Aumentano i depositi sopra i 50mila euro: si è passati dal 23,2% del primo semestre del 2020 al 27,3%. Scivolano in seconda posizione i depositi il cui importo è compreso nella fascia tra i 15.001 e i 20mila euro (si è passati dal 37,6% al 25,4%), mentre aumentano i depositi a partire dai 20K. Quest’ultima performance ha raggiunto il 17,5%, mentre nel primo semestre del 2020 la percentuale era pari al 16,1%. In aumento i depositi compresi tra i 5.001 e i 10.000 euro: si è passati dal 12,3% al 15,2%. Segno più anche per i depositi pari o inferiori ai 5.000 euro (si è passati dall’8,7% del primo semestre al 12,1%).