News Notiziario Notizie Italia Atlantia e l’Opa Benetton-Blackstone: la holding commenta rumor AD Bertazzo

Atlantia e l’Opa Benetton-Blackstone: la holding commenta rumor AD Bertazzo

In merito ad alcune indiscrezioni pubblicate dai media, Atlantia “ha reso noto che nei prossimi giorni è prevista la convocazione del Comitato Nomine Remunerazioni e Capitale Umano della Società, in vista del Consiglio di Amministrazione già previsto per il 4 agosto prossimo, per analizzare un’ipotesi di accordo per la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro con l’Amministratore Delegato, Dott. Carlo Bertazzo”. E’ quanto si legge in una nota diffusa dalla holding, che prosegue sottolineando che “l’eventuale accordo tra la Società e il Dott. Bertazzo sarà

sottoposto a tutti i presìdi previsti dalla normativa applicabile e saranno date tutte le dovute informazioni al mercato. Nel caso di finalizzazione dell’accordo, il Consiglio di Amministrazione avvierà le procedure previste per la successione, nelle more delle quali il Dott. Bertazzo continuerà a guidare la Società”.

La nota ha commentato quanto riportato dal quotidiano La Repubblica che, così come ha messo in evidenza Equita SIM nella nota di ieri, ha indicato come l’AD “Bertazzo avrebbe deciso di fare un passo indietro da CEO di Atlantia, una scelta maturata nelle ultime settimane in vista dell’Opa che i Benetton si apprestano a lanciare insieme al fondo

Blackstone”.

Così Equita SIM in merito alle indiscrezioni su Atlantia:

“L’annuncio potrebbe essere ufficializzato già con i risultati semestrali diAtlantia il prossimo 4 agosto oppure a fine estate, una volta avviata l`OPA sul titolo. Repubblica sottolinea che il cambio ai vertici sarebbe una naturale

evoluzione della gestione con il passaggio della presidenza ad Alessandro Benetton della holding del gruppo. Non sarebbe stato individuato il sostituto di Bertazzo, che potrebbe essere nominato con la chiusura dell’OPA entro fine anno.

Bertazzo ha gestito con successo i passaggi più delicati della storia di Atlantia dopo il crollo del Ponte Morandi ed avviato la fase di rilancio del gruppo. Il cambio al vertice di Atlantia riteniamo sia legato alle scelte della nuova compagine azionaria, confermando che l’avvio dell’offerta dipende solo dall’ottenimento delle necessarie autorizzazioni”.