Finanza Notizie Mondo Back to smart working, anche la refrattaria Goldman Sachs si accoda

Back to smart working, anche la refrattaria Goldman Sachs si accoda

Mancava all’appello solo Goldman Sachs che ieri hasciolto gli indugi invitando i propri dipendenti statunitensi che possono lavorare in remoto a farlo fino al 18 gennaio. Goldman è l’ultima tra le banche di Wall Street a rifugiarsi nel ritorno allo smart working in virtù dell’ondata record di contagi dettata dalla diffusione calillare della variante omicron negli USA.

Goldman Sachs, il cui ceo David Solomon ha definito il lavoro da remoto “una aberrazione”, fino a settimana scorsa aveva continuato a puntare sul lavoro in ufficio introducendo nuovi requisiti e test. I dipendenti Goldman per entrare in ufficio devono essere vaccinati e, a partire dal 1 febbraio, verrà richiesto un booster per tutti i dipendenti idonei a ricevere la nuova dose. Goldman aveva inoltre annunciato che a partire dal 10 gennaio, il personale che entrava in ufficio sarebbe stato testato due volte a settimana presso i centri di test Covid predisposti dalla banca, passando dall’attuale requisito di una volta alla settimana.

Goldman, che annovera 43.000 dipendenti, molti dei quali con sede a Manhattan, aveva richiamato la maggior parte dei lavoratori in ufficio a giugno 2021.

Posizione abbastanza rigida anche quella di JP Morgan Chase. La maggiore banca statunitense ha concesso al suo personal la flessibilità di lavorare da casa nelle prime due settimane dell’anno, ma vuole che tornino agli orari in carica entro e non oltre il 1 febbraio. “Non stiamo cambiando i nostri piani a lungo termine di lavoro in ufficio”, ha detto il comitato operativo della banca che per il momento non ha richiesto la vaccinazione ai propri dipendenti. “I mandati di vaccinazione emessi dal governo potrebbero probabilmente rendere difficile o impossibile per noi continuare ad assumere dipendenti non vaccinati, quindi ottenere il vaccino è molto importante”, afferma JPM.

Jamie Dimon, storico ceo di JPM, la scorsa primavera ha sottolineato come la pandemia abbia accelerato una tendenza, ma il lavoro agile “non funziona per i più giovani. Non funziona per coloro che vogliono fare carriera e non funziona in termini di generazione spontanea di idee”.

Citigroup ha chiesto ai suoi dipendenti statunitensi di lavorare da casa per le prime settimane del nuovo anno e continuerà a monitorare i dati e fornirà aggiornamenti a gennaio su quando sarà previsto il ritorno in ufficio. Simle approccio per Bank of America che ha incoraggiato i dipendenti statunitensi a lavorare da casa la settimana del 3 gennaio e fornirà aggiornamenti in base alla diffusione dei contagi.