Prestiti: quasi il 40% ha un finanziamento, ma l'importo medio è in discesa

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Daniela La Cava

23 settembre 2019 - 12:35

MILANO (Finanza.com)

Sarà l'attuale condizione di mercato, con i tassi di interesse che restano bassi, fatto stato che è in aumento il numero di italiani che decide di fare ricorso al credito per finanziare l’acquisto di un’abitazione o le proprie spese correnti.
Nei primi sei mesi del 2019, secondo la Mappa del credito realizzata da Crif, quasi 4 italiani su 10 risulta avere almeno un finanziamento attivo. Si tratta per la precisione del 39,4% del totale della popolazione maggiorenne residente in Italia che risulta avere almeno un contratto di credito rateale attivo (+8% rispetto ad un anno fa) mentre a livello pro-capite mensilmente vengono rimborsate rate per un importo pari a 344 euro (- 1,5%). “Questi dati confermano i segnali di allargamento della platea dei cittadini che usufruiscono del credito bancario per sostenere i propri consumi e l’investimento sulla casa mentre il progressivo calo sia della rata media sia dell’esposizione residua forniscono una positiva indicazione circa la sostenibilità del debito di consumatori e famiglie", commenta Beatrice Rubini, direttore della linea Mister Credit di Crif.

Tra le forme di finanziamento più diffuse, si posizionano al primo posto i prestiti finalizzati, ossia quei prestiti destinati all’acquisto di beni e servizi quali auto, moto, elettronica ed elettrodomestici, articoli di arredamento, viaggi. Operazioni di credito che hanno un peso, in termini di numerosità, pari al 45,5% sul totale. Al secondo posto i prestiti personali, che si legano alla progettualità delle famiglie, con una incidenza del 32,8%. Infine, la componente dei mutui per l’acquisto di abitazioni (21,7% sul totale).

Dall'analisi di Crif emerge inoltre che la regione con la quota più elevata di popolazione maggiorenne con almeno un rapporto di credito attivo è la Toscana, con il 44,2% del totale, che precede Sardegna (con il 43,2%) e Friuli-Venezia Giulia (con il 42,9%). Seguono il Lazio (con il 42,3%) e la Valle d’Aosta (con il 41,8% della popolazione). All’estremo opposto del ranking nazionale si colloca il Trentino Alto Adige, regione in cui solamente il 20,2% della popolazione risulta avere almeno un rapporto di credito attivo, preceduta dalla Basilicata (con il 32,1%) e dal Molise (con il 33,8%).
Sempre a livello geografico, le regioni in cui i cittadini ogni mese sostengono la rata media più elevata sono risultate essere il Trentino-Alto Adige con 430 euro, il Veneto (con 390 Euro) e la Lombardia (con 387 euro). Seguono l’Emilia-Romagna e la Toscana, rispettivamente con 370 e 364 euro.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Annunci pubblicitari

Calcolatori

calcolatori auto fondi obbligazioni casa Rata mutuo

Ultime dai Blog

Sondaggi

Dopo la buona performance del 2019, l'indice Ftse Mib cosa farà nel 2020?
scenderà a 20.000 punti
rimarrà stabile intorno a 24.000 punti
salirà intorno a 26.000
schizzerà ai 30.000

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: info@browneditore.it