Milano: capitale del lavoro in Italia soprattutto nei settori digital, oil&gas, automation, finance e retail

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Valeria Panigada

17 dicembre 2019 - 16:39

MILANO (Finanza.com)

Una crescita del Pil doppia rispetto a quella del paese, tra le prime 50 città per ricchezza e potere economico a livello mondiale e cardine del Nuovo Triangolo Industriale (Lombardia, Emilia e Nord-Est). Milano rappresenta di fatto la capitale italiana del lavoro, coprendo tutto l’orizzonte dimensionale d’impresa dalle piccole a conduzione familiare alle multinazionali. Il capoluogo lombardo è infatti sede di 4.600 multinazionali delle 14mila presenti in tutto il territorio e oltre 10mila imprese straniere. Non solo, a infondere dinamicità alla città meneghina anche la copresenza di molteplici settori, dall’industria al commercio passando per la finanza e le startup innovative.

Se da una parte, come conferma anche l’Osservatorio Milano di Assolombarda, il sistema produttivo manufatturiero è il punto di maggior forza, dall’altra, la ricerca condotta da Wyser registra nell’area una particolare vivacità occupazionale nei settori Digital, Oil&Gas, Automation, Finance e Retail.

“Ci aspettiamo che l’attrattività e la dinamicità occupazionale di Milano continueranno a crescere anche nel decennio 2020 – sostiene Carlo Caporale, amministratore delegato di Wyser Italia - Le realtà di eccellenza a livello imprenditoriale, ma anche formativo sono la base solida della città anche oltre i confini nazionali".

Si registra infatti un’apertura internazionale degli atenei milanesi e lombardi che trova riscontro nella continua crescita degli studenti internazionali: 14.518 nell’anno accademico 2017-2018, pari al 5,2% del totale degli iscritti. Inoltre, a conferma della reputazione internazionale del capoluogo milanese in alcuni settori, si evidenza una maggior propensione degli studenti internazionali per i corsi STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics) e Arts (es. design): 52,4% (rispetto al 40% medio lombardo) mentre in quelli Arts è il 6,2% rispetto alla media regionale dell’1,4%. Studenti internazionali che provengono principalmente da Europa e, in egual misura, dall’Asia.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Annunci pubblicitari

Calcolatori

calcolatori auto fondi obbligazioni casa Rata mutuo

Ultime dai Blog

Sondaggi

Dopo la buona performance del 2019, l'indice Ftse Mib cosa farà nel 2020?
scenderà a 20.000 punti
rimarrà stabile intorno a 24.000 punti
salirà intorno a 26.000
schizzerà ai 30.000

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: info@browneditore.it