Lavoro: oltre la metà dei professionisti sta pensando di cambiare. Le migliori opportunità secondo LinkedIn

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Redazione Finanza

19 gennaio 2022 - 09:54

MILANO (Finanza.com)

Gli italiani guardano nuovi scenari lavorativi con rinnovata sicurezza, nonostante la crisi pandemica. Secondo una nuova ricerca di LinkedIn, una maggiore fiducia in sé stessi e nelle proprie capacità sta spingendo il desiderio degli italiani di cambiare lavoro, con più della metà (54%) degli intervistati che sta considerando un cambiamento già nell'anno in corso.

Il 59% dei rispondenti ha dichiarato che la maggiore flessibilità e l'opportunità di avere modelli di lavoro ibridi da parte di molte aziende sono fattori determinanti nel considerare nuove opportunità di lavoro, in aggiunta a questa percentuale vi è un ulteriore 21% che ha affermato di trovarsi fortemente d’accordo con questa affermazione. In particolare, quasi 3 lavoratori intervistati su 10 (28%) hanno affermato che la maggiore diffusione del lavoro flessibile li ha resi più fiduciosi nel pensare di provare un nuovo ruolo e in simile percentuale (30%) hanno dichiarato che grazie a questi nuovi modelli sono persino spinti a provare una nuova carriera.

Non solo. Il 90% degli intervistati si sente sicuro del suo attuale ruolo lavorativo, tanto che il 63% ha maturato abbastanza sicurezza da essere spinto a chiedere una promozione o a candidarsi per un ruolo più alto rispetto a quello in cui si trova attualmente.

La pandemia ha offerto a molti l’occasione di poter ripensare ai propri desideri e alle proprie capacità, ha modificato non solo priorità e preferenze dei lavoratori ma ha fondamentalmente cambiato la percezione di cosa debba intendersi per “buon lavoro”. Quasi la metà (48%) dei rispondenti ha dichiarato che prenderebbe in considerazione l’idea di cambiare la sua posizione lavorativa attuale per una con un salario maggiore ma, di poco sotto, il 38% dei lavoratori italiani intervistati ha dichiarato che lo farebbe per un migliore equilibrio tra la vita personale e quella lavorativa.

“Nonostante l'emergenza pandemica globale stia generando non poche incertezze e difficoltà nel mondo del lavoro, i dati a nostro supporto ci mostrano, da un lato, dipendenti sempre più ambiziosi e disposti ad abbandonare un incarico stabile per affrontare nuove sfide e dall’altro le aziende che per adattarsi alla nuova normalità, si focalizzano sempre più su flessibilità del posto di lavoro, attenzione al benessere dei dipendenti e cultura come fattori principali per attrarre i migliori talenti - ha detto Marcello Albergoni, Country Manager di LinkedIn Italia - I nuovi trend come la veloce crescita del settore tecnologico e la nascita di nuove professionalità, sono la risposta alle attuali esigenze del mercato e alla digital transformation".

Ma quali sono le migliori opportunità nel mercato del lavoro? LinkedIn ha stilato la nuova lista dei Lavori in Crescita che mostra le posizioni lavorative emergenti e aiuta i professionisti a connettersi e a capire dove trovare le opportunità. Nelle prime posizioni della lista, i lavori emergenti sono l’esatta fotografia delle nuove esigenze del mercato, accelerate dalla pandemia, che seguono la veloce crescita del settore tecnologico.

1- Ingegnere robotico
2- Ingegnere del machine learning
3- Cloud architect
4- Data engineer
5- Sustainability manager
6- Consulente di data management
7- Analista delle risorse umane
8- Talent acquisition specialist
9- Software account executive
10- Cyber security specialist

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Calcolatori

calcolatori auto fondi obbligazioni casa Rata mutuo

Sondaggi

Banche saranno protagoniste in positivo anche nel 2022?
Sì grazie a sponda a rialzo tassi
No, hanno corso troppo
Dipenderà da politica Italia ed M&A

Finanza.com è una testata giornalistica registrata. Registrazione tribunale di Milano n. 829 del 26/11/2004
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967