Lavoratori italiani pronti a sviluppare nuove competenze: il 62% si dedica già alle attività formative

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Daniela La Cava

7 novembre 2019 - 14:47

MILANO (Finanza.com)

Il mondo del lavoro continua a trasformarsi al ritmo (sempre più veloce) dei cambiamenti tecnologici e della globalizzazione. Di fronte a questi cambiamenti i lavoratori italiani non si tirano indietro e sono disposti a sviluppare nuove competenze. E in molti stanno già investendo nella loro formazione.

Secondo la ricerca “Decoding Global Trends in Upskilling and Reskilling” condotta da Boston Consulting Group e l’agenzia di recruitment online The Network su un campione di 366mila intervistati della forza lavoro di 197 Paesi, il 62% degli italiani compie già uno sforzo significativo nel cosiddetto upskilling, dedicando alcune settimane all'anno in attività formative per far crescere le competenze e circa il 70% si dice aperto a un reskilling per riqualificare le proprie competenze in vista di nuove opportunità di impiego.
Il tutto nasce da una consapevolezza condivisa che riguarda sia la sfera tecnologica e quella della globalizzazione: il 50% degli italiani ritiene che le tecnologie impatteranno in modo evidente sulla loro professione e il 55% sostiene che il fattore principale di cambiamento sarà la globalizzazione.

COSA SUCCEDE NEL MONDO
Spostando l'attenzione su trend globali, dalla ricerca emerge che la forza lavoro è consapevole dei cambiamenti in corso: il 61% degli intervistati ritiene che i mega trend globali siano destinati a trasformare le singole professioni. Nello specifico, il 49% sostiene che il maggiore fattore di cambiamento sarà determinato dall’avvento della robotica e dell’intelligenza artificiale, il 45% dalla globalizzazione e dalla diffusione dell’outsourcing. Una sfida che accomuna economie in via di sviluppo e avanzate, alla quale si reagisce cercando di potenziare i propri skills o differenziandoli per trovare nuove opportunità.

Circa il 65% degli intervistati su scala mondiale dedica ogni anno un tempo significativo all’upskilling. Al Myanmar va il primato per impegno nella formazione (con l’87%). I canali preferiti per la formazione sono i programmi di autoapprendimento (usati dal 63% dei lavoratori) e il learning on the job (61%), mentre sono meno gettonati conferenze/seminari (36%), le istituzioni formative tradizionali (34%) o online (30%), le applicazioni mobile (24%) e i programmi governativi (7%).
Sul fonte del reskilling, il 67% è disponibile ad apprendere nuove competenze per trovare un lavoro diverso da quello attuale. La predisposizione varia a seconda della regione, con l’America Latina in testa, mentre i Paesi più restii al cambiamento sono quelli nell'Europa centrale e orientale.

ANCHE I GOVERNI DEVONO SCENDERE IN CAMPO
"Sono dati su cui non solo le aziende, ma anche i governi devono soffermarsi, con la prospettiva di promuovere e sostenere l’apprendimento e la formazione delle risorse, soprattutto di fronte alle sfide che pone l’innovazione tecnologica al mondo del lavoro", ha dichiarato Matteo Radice, managing director e partner BCG, responsabile della Practice People.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Annunci pubblicitari

Calcolatori

calcolatori auto fondi obbligazioni casa Rata mutuo

Ultime dai Blog

Sondaggi

Dove sarà l'indice Ftse Mib a fine 2019?
Molto superiore ai livelli attuali (18.760)
Molto al di sotto ai livelli attuali
Agli stessi livelli
Di poco superiore ai livelli attuali
Di poco inferiore ai livelli attuali

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]