Colloquio di lavoro: la selezione passa sempre di più dall'intelligenza emotiva

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Valeria Panigada

27 novembre 2020 - 10:45

MILANO (Finanza.com)

Questionari comportamentali e di personalità, giochi di ruolo e interviste strutturate. A chi non è capitato durante un colloquio o processo di selezione di affrontare queste prove? Dall’ultima survey globale di Wyser, la società internazionale di Gi Group, che si occupa di ricerca e
selezione di profili manageriali, è emerso che il 51% dichiara che la sua azienda ha applicato almeno una volta l’Assessment Center, ovvero la metodologia che raccoglie questi strumenti in ambito HR, e ben il 31% proprio in fase di recruiting. La ragione sta nell'importanza di analizzare le soft skill e i tratti di personalità del candidato, soprattutto per un profilo manageriale.

Il 42% dei partecipanti alla survey considera infatti importante avere informazioni circa l’Intelligenza emotiva di un candidato per una posizione manageriale. L'intelligenza emotiva è infatti un'abilità fondamentale relativa alle prestazioni complessive di una persona, in particolare nei ruoli gestionali e dirigenziali. Ma non solo: la leadership stessa (59%), la capacità decisionale (40%) e le competenze relazionali (36%) sono altri aspetti determinanti nella valutazione di un profilo manageriale.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Annunci pubblicitari

Calcolatori

calcolatori auto fondi obbligazioni casa Rata mutuo

Sondaggi

Dopo la buona performance del 2019, l'indice Ftse Mib cosa farà nel 2020?
scenderà a 20.000 punti
rimarrà stabile intorno a 24.000 punti
salirà intorno a 26.000
schizzerà ai 30.000

Finanza.com è un allegato di Finanzaonline, periodico telematico reg. Trib. Roma
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967