Assicurazioni, Italia: dopo otto anni di sviluppo alternato, Vita e Danni crescono in sincrono

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Alessandra Caparello

22 maggio 2019 - 15:14

MILANO (Finanza.com)

Il 2018 è stato il terzo anno consecutivo, il dodicesimo negli ultimi 15 anni, in cui la crescita globale dei premi assicurativi è rimasta indietro rispetto allo sviluppo dell’attività economica (+5,7% di crescita nominale nel 2018). Lo dicono le ultime proiezioni di Allianz Research secondo cui la penetrazione assicurativa (premi in rapporto al prodotto interno lordo) è scesa al 5,4%, il livello più basso degli ultimi 30 anni.

Se da una parte aumentano i rischi aumentano, dall’altra la protezione assicurativa da tali rischi è in declino. Peraltro, nel 2018 per il terzo anno consecutivo, a livello mondiale il mercato Danni è cresciuto più del mercato Vita (rispettivamente del 4,7% e 2,5%).
A livello regionale, mentre nel 2016 e nel 2017 la crescita globale era stata frenata dall’Europa Occidentale, lo scorso anno è stata la Cina a frenare. A sorpresa, a trainare la crescita per il 2018 sono stati gli Stati Uniti (42%) e il Giappone (11%) mentre la Cina, dopo essere stata per anni il più significativo traino alla crescita globale dei premi contribuendo nel 2017 addirittura per quasi il 60% del totale, nel 2018 ha contribuito soltanto per il 4%.

Il 2018 però non rappresenta la fine della crescita dei mercati asiatici come sottolinea Michael Heise, chief economist di Allianz SE. “Al contrario. La regolamentazione più stringente adottata in Cina è più che benvenuta, rappresentando una nuova fase di crescita più bilanciata e sostenibile. Inoltre, la Cina non è più soltanto sinonimo di crescita elevata; è il progresso tecnologico del mercato a togliere il fiato.
La Cina è chiaramente front-runner nell’applicazione dell’Intelligenza Artificiale, di soluzioni innovative di pagamento e di ecosistemi digitali. La Cina è il mercato cui guardare con attenzione, perché ci indicherà il futuro del nostro settore”.

Guardando all’Italia, il mercato assicurativo ha registrato nel 2018 una raccolta premi globale (Danni e Vita) in crescita dell’1,9%, evidenziando trend positivi in entrambi i segmenti, rispettivamente dell’1,6% nei Danni e del 3,0% nel Vita – per la prima volta dal 2010. Il mercato tricolore si caratterizza per un’enorme volatilità ma, nonostante l’andamento altalenante, è stata l’Italia a mettere a segno nell’ultimo decennio la performance migliore, con una robusta crescita pari al 42%, contro il 4% appena per l’intera area dell’Europa Occidentale.
Cosa accadrà nel prossimo decennio? Il futuro sembra essere un po’ più sereno dice Allianz Research secondo cui i mercati assicurativi continueranno la ripresa, con un incremento dei premi globali che dovrebbe accelerare del 5% circa nel prossimo decennio, rispetto alla piuttosto deludente crescita del 3% messa a segno nei dieci anni precedenti. Considerando l’accelerazione dei cambiamenti demografici, in particolare nei mercati emergenti con sistemi di welfare pubblico ancora sottosviluppati, è prevista una accelerazione della crescita nel comparto Vita in un certo senso più rapida che nei rami Danni (5,5% rispetto a 4,4%). Le previsioni di sviluppo per l’Europa Occidentale sono significativamente più basse: l’area dovrebbe raggiungere una crescita di quasi il 3% annuo nel prossimo decennio, sia nei Danni che nel Vita. Quanto all’Italia, è attesa una crescita più lenta, del 2,5% annuo (nei Danni 2,7% e nel Vita 2,4%), dopo la sovra performance dell’ultimo decennio.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Annunci pubblicitari

Calcolatori

calcolatori auto fondi obbligazioni casa Rata mutuo

Ultime dai Blog

Sondaggi

Dove sarà l'indice Ftse Mib a fine 2019?
Molto superiore ai livelli attuali (18.760)
Molto al di sotto ai livelli attuali
Agli stessi livelli
Di poco superiore ai livelli attuali
Di poco inferiore ai livelli attuali

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]