Scheda ETF

Nome: Db x-trackers ShortDax Ucits ETF 1C

Dati principali

Nome: Db x-trackers ShortDax Ucits ETF 1C
Sottostante: ShortDax
Mercato di riferimento: Short
Emittente: DB x-trackers
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 24,65 EUR   Data: 1.4.2020   Massimo (giorno): 24,825   Minimo (giorno): 24,445

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi 17,38
6 mesi -8,09
12 mesi -8,09
36 mesi -8,8
  val.
Costi gestione annui 0,40%
Armonizzato Si
Dividendo distribuito
Data stacco dividendo
Descrizione e commento:
Il Db x-Trackers ShortDax Ucits ETF è un Etf che replica all'inverso l'andamento dell'indice azionario Dax. Un deprezzamento dell'indice delle blue chips tedesche del 2% comporterà un apprezzamento prossimo al 2% dell'Etf e viceversa.
Consente di realizzare una strategia ribassista sul mercato teutonico e può essere utilizzato indifferentemente per strategie direzionali ribassiste o per effettuare strategie di copertura di un portafoglio azionario. L’Etf risulta premiante anche nelle fasi laterali in quanto l’indice riconosce un guadagno rappresentato dagli interessi. Queste caratteristiche ne fanno uno strumento utile per essere utilizzato sia nelle strategie di medio lungo, sia in quelle di breve periodo.
Sintesi:
Il Db x-Trackers ShortDax permette, attraverso l’acquisto di un singolo strumento, di assumere una posizione ribassista sul mercato azionario tedesco. E’ adatto a chi abbia una visione ribassista sul mercato o a chi desideri hedgiare parzialmente o completamente il proprio portafoglio titoli senza doverlo disinvestire.
Indice sottostante:
L'indice ShortDax replica in maniera perfetta e speculare (invertendo il segno) la performance dell'indice di riferimento del mercato azionario tedesco Dax 30. Consente quindi guadagnare la performance negativa dell’indice esponendo però l’investimento a perdite nel caso di un mercato rialzista. Questo indice incorpora anche gli interessi ottenuti sulle disponibilità in denaro liquido detenute nel fondo. Il valore del fondo beneficerà quindi di un guadagno addizionale rappresentato dagli interessi: in particolare all’investitore sarà riconosciuto un tasso di interesse pari a due volte il tasso privo di rischio Eonia (Euro OverNight Index Average), ossia il tasso di riferimento del mercato interbancario per i finanziamenti overnight.
Strategia:
L'Etf nasce per shortare l’indice di riferimento del mercato tedesco. Si rivolge quindi a chi abbia una visione ribassista sul mercato e voglia speculare al ribasso evitando di dover ricorrere a strumenti derivati. Un ulteriore utilizzo dello strumento è finalizzato ad adottare strategie di copertura del proprio portafoglio azionario. Chi avesse la necessità di neutralizzare completamente o parzialmente gli effetti negativi di eventuali ribassi del mercato può acquistare questo Etf. Così facendo l’eventuale perdita registrata dal portafoglio azionario verrà compensata (in parte o completamente, dipende dal controvalore investito nell’Etf e dal grado di correlazione tra Etf e titoli detenuti) dal guadagno realizzato dall’Etf. Successivamente, quando l’investitore riterrà oramai superata la fase ribassista dei mercati, potrà chiudere la posizione ribassista vendendo l’Etf e tornando quindi a beneficiare completamente delle performance dei propri titoli. Il vantaggio di questa strategia è quella di neutralizzare le performance ribassiste del mercato attraverso l’acquisto di un singolo prodotto: il tutto senza dover disinvestire le posizioni in essere evitando di andare incontro a ingenti costi per la vendita di numerosi strumenti.
Fattori di rischio:
Questo Etf è uno strumento che permette di assumere una posizione ribassista sull’indice. Di fatto il sottostante è l'indice Dax, quindi l’investitore domestico non è esposto, almeno direttamente, nei confronti del rischio di cambio. A differenza degli strumenti long, questo Etf, almeno in teoria, dovrebbe risentire positivamente dell’avvio di un periodo di recessione economica o più semplicemente di una stretta monetaria da parte della Bce quando l’accesso al mercato del credito da parte delle aziende diviene più costoso.

Ultime dai Blog

Sondaggi

Dopo la buona performance del 2019, l'indice Ftse Mib cosa farà nel 2020?
scenderà a 20.000 punti
rimarrà stabile intorno a 24.000 punti
salirà intorno a 26.000
schizzerà ai 30.000

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: info@browneditore.it