Scheda ETF

Nome: Vanguard FTSE Developed Asia Pacific ex Japan UCITS ETF

Dati principali

Nome: Vanguard FTSE Developed Asia Pacific ex Japan UCITS ETF
Sottostante: FTSE Developed Asia Pacific ex Japan Index
Mercato di riferimento: Azionario Far East
Emittente: VANGUARD
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 16,706 EUR   Data: 27.3.2020   Massimo (giorno): 16,846   Minimo (giorno): 16,6

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,15%
Armonizzato
Dividendo distribuito
Data stacco dividendo
Descrizione e commento:
Il Vanguard FTSE Developed Asia Pacific ex Japan UCITS ETF offre esposizione sui mercati azionari asiatici ad esclusione del Giappone. Il Fondo adotta una strategia di indicizzazione o gestione passiva, tramite acquisizione fisica di titoli, per replicare la performance dell’indice, un indice ponderato per la capitalizzazione di mercato sulla base del flottante. E' previsto un metodo di replica fisica del sottostante.
Sintesi:
Il Vanguard FTSE Developed Asia Pacific ex Japan UCITS ETF è uno strumento ideale per chi voglia assumere una posizione rialzista sul mercato azionario dell’area Asia-Pacifico, escluso il Giappone. Il rischio di cambio e la volatilità dei mercati suggeriscono di pesare correttamente l’investimento all’interno di un portafoglio sufficientemente diversificato.
Indice sottostante:
Il FTSE Developed Asia Pacific ex Japan Index è composto da società large e mid cap dei mercati sviluppati della regione Asia Pacifico, escluso il Giappone.
Strategia:
Questo ETF è ideale per chi voglia aumentare il grado di diversificazione internazionale del proprio portafoglio di investimento o per chi ricerchi una esposizione verso le azioni del mercato australiano e del sud-est asiatico. La significativa presenza di aziende dei comparti finanziario e tecnologico lo caratterizza per un’elevata ciclicità e lo rende quindi adatto alle fasi di espansione del ciclo economico mondiale.
Fattori di rischio:
Il fondo è correlato all’andamento del ciclo economico, il cui rallentamento si riflette sulla redditività delle imprese. Il rischio di cambio a cui è sottoposto l’investitore domestico è decisamente elevato.

Ultime dai Blog

Sondaggi

Dopo la buona performance del 2019, l'indice Ftse Mib cosa farà nel 2020?
scenderà a 20.000 punti
rimarrà stabile intorno a 24.000 punti
salirà intorno a 26.000
schizzerà ai 30.000

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: info@browneditore.it