Scheda ETF

Nome: SPDR Msci Europe Telecom Services Ucits ETF

Dati principali

Nome: SPDR Msci Europe Telecom Services Ucits ETF
Sottostante: MSCI Europe Telecommunication Services
Mercato di riferimento: Indici settoriali
Emittente: SPDR ETF
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 51 EUR   Data: 1.12.2020   Massimo (giorno): 51   Minimo (giorno): 51

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi -21,62
6 mesi -21,62
12 mesi -21,62
36 mesi -27,59
  val.
Costi gestione annui 0,30%
Armonizzato
Dividendo distribuito
Data stacco dividendo
Descrizione e commento:
Questo ETF mira a replicare, sia al rialzo che al ribasso, l'andamento dell'indice MSCI Europe Telecommunication Services, denominato in euro. Consente di ottenere, con un'unica transazione, un'esposizione a circa 20 titoli europei del settore delle telecomunicazioni. Questo ETF non stacca dividendo (total return), pertanto le cedole staccate dai singoli titoli presenti nell'indice sottostante vengono direttamente incorporate nella quotazione corrente dell'Etf. E' prevista la replica fisica completa attraverso l’acquisto diretto di tutti titoli facenti parte degli indici sottostanti con la stessa ponderazione dell’indice replicato.
Sintesi:
Strumento adatto per effettuare un investimento concentrato sul settore europeo delle telecomunicazioni. E' da privilegiare sulla base di buone previsioni per l’intera industria o delle stime di bassi tassi d’interesse in Europa.
Indice sottostante:
L'indice MSCI Europe Telecommunication Services presenta un'esposizione a circa 20 titoli europei del settore delle telecomunicazioni.
Strategia:
Questo Etf consente un investimento focalizzato sul settore europeo delle telecomunicazioni. Può quindi rappresentare un efficiente mezzo per assumere posizione sull’intero comparto, in considerazione di previsioni favorevoli per l’intera industria. Rientrano in questo caso le aspettative di una politica monetaria espansiva nel Vecchio continente. La maggior parte delle grandi telecom europee è infatti caratterizzata da un elevato livello di indebitamento.
Fattori di rischio:
Un rialzo dei tassi di interesse da parte della Banca Centrale Europea renderebbe maggiormente oneroso il costo del debito per le società appartenenti all’indice. Occorre inoltre considerare che i singoli operatori nazionali sono sottoposti a variazioni regolamentari da parte dei rispettivi governi, che potrebbero condizionare l’andamento dei titoli in Borsa.

Sondaggi

Dopo la buona performance del 2019, l'indice Ftse Mib cosa farà nel 2020?
scenderà a 20.000 punti
rimarrà stabile intorno a 24.000 punti
salirà intorno a 26.000
schizzerà ai 30.000

Finanza.com è un allegato di Finanzaonline, periodico telematico reg. Trib. Roma
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967