Scheda ETF

Nome: SPDR Russell 2000 Small Cap Ucits ETF

Dati principali

Nome: SPDR Russell 2000 Small Cap Ucits ETF
Sottostante: Russell 2000 Small Cap
Mercato di riferimento: Azionario Small Cap
Emittente: SPDR ETF
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 37,165 EUR   Data: 20.5.2019   Massimo (giorno): 37,3   Minimo (giorno): 37,115

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,30%
Armonizzato
Dividendo distribuito
Data stacco dividendo
Descrizione e commento:
Lo SPDR Russell 2000 Small Cap Ucits ETF replica l’indice Russell 2000 small cap, un paniere che raccoglie le migliori società a piccola capitalizzazione degli Usa. L’investimento, data la volatilità dell’indice sottostante, può essere effettuato anche in ottica di trading di medio o di breve periodo. I dividendi distribuiti dalle società facenti parte dell'indice sottostante vengono reinvestiti all'intero del fondo.
Sintesi:
Questo ETF sfrutta le potenzialità dei titoli a piccola capitalizzazione degli Usa. L’investimento è correlato al ciclo economico internazionale poiché l’indice ha una elevata esposizione verso i titoli industriali mentre è contenuto il peso di titoli non ciclici come telefonici e energetici.
Indice sottostante:
L’indice Russell 2000 Small Cap misura la performance del segmento small-cap dell’universo azionario degli Stati Uniti.
Strategia:
L'investimento in questo ETF permette di sfruttare le potenzialità dei titoli a bassa capitalizzazione degli Usa. Il profilo di rischio è elevato a causa della volatilità implicita in questi titoli. L’investimento è inoltre correlato al ciclo economico internazionale: l’indice infatti ha una elevata esposizione verso i titoli finanziari e industriali mentre è contenuto il peso di titoli non ciclici come telefonici e energetici.
Fattori di rischio:
L’indice Russell 2000 Small Cap è caratterizzato da un beta elevato e di conseguenza vanta un profilo di rischio aggressivo, essendo costituito da piccole società sulle quali l’investitore punta a capitalizzare in caso di rialzo del mercato Usa. Ne consegue che, a maggior rischio, si può portare a casa un maggior rendimento, ma riferendosi ad un arco temporale di lungo periodo. La valuta di denominazione dell’indice sottostante è il dollaro Usa quindi esiste un rischio di cambio associato all’investimento dipendente dalle eventuali fluttuazioni del rapporto di cambio tra l’Euro e il biglietto verde.

Ultime dai Blog

Sondaggi

Dove sarà l'indice Ftse Mib a fine 2019?
Molto superiore ai livelli attuali (18.760)
Molto al di sotto ai livelli attuali
Agli stessi livelli
Di poco superiore ai livelli attuali
Di poco inferiore ai livelli attuali

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]