Scheda ETF

Nome: Lyxor Core Morningstar US (DR) UCITS - Dist

Dati principali

Nome: Lyxor Core Morningstar US (DR) UCITS - Dist
Sottostante: Morningstar US Large-Mid Cap NR Index
Mercato di riferimento: Azionario Usa
Emittente: Lyxor
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 11,262 EUR   Data: 2.12.2020   Massimo (giorno): 11,262   Minimo (giorno): 11,262

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi 15,27
6 mesi 15,27
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,04%
Armonizzato
Dividendo distribuito
Data stacco dividendo
Descrizione e commento:
Il Lyxor Core Morningstar US (DR) UCITS - Dist punta a replicare l’indice di riferimento Morningstar US Large-Mid Cap NR Index permettendo una piena esposizione al segmento delle società a grande e media capitalizzazione del mercato azionario USA. Questo ETF prevede la distribuzione di dividendi.
Sintesi:
Lo strumento offre l’opportunità di investire nei titoli più importanti del mercato azionario statunitense.
Indice sottostante:
L'indice Morningstar US Large-Mid Cap NR rappresenta la performance del segmento delle società a grande e media capitalizzazione del mercato azionario USA.
Strategia:
L'investimento in questo fondo a gestione passiva è finalizzato a sfruttare le potenzialità ed il posizionamento delle maggiori società quotate sulla borsa di New York. Lo strumento si configura pertanto come una valida opportunità per investire su titoli statunitensi a larga capitalizzazione, con un’alta rappresentatività dell’intero mercato. E’ inoltre possibile esporsi almeno in parte all’andamento del comparto tecnologico e finanziario.
Fattori di rischio:
Oltre al rischio implicito nell’andamento dell’indice, altri rischi sono identificabili nell’assenza di diversificazione geografica e soprattutto in possibili variazioni del tasso di cambio euro-dollaro. L’indice sottostante è infatti denominato in dollari statunitensi, pertanto un deprezzamento della valuta americana nei confronti dell’euro si rivelerebbe negativo per un investitore italiano. Occorre inoltre considerare che le società appartenenti all’indice producono buona parte dei loro ricavi all’estero, e nel caso di un apprezzamento della divisa americana possono risentire di esportazioni statunitensi che diventano meno convenienti per i consumatori mondiali.

Sondaggi

Dopo la buona performance del 2019, l'indice Ftse Mib cosa farà nel 2020?
scenderà a 20.000 punti
rimarrà stabile intorno a 24.000 punti
salirà intorno a 26.000
schizzerà ai 30.000

Finanza.com è un allegato di Finanzaonline, periodico telematico reg. Trib. Roma
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967