Scheda ETF

Nome: HSBC Msci World UCITS ETF

Dati principali

Nome: HSBC Msci World UCITS ETF
Sottostante: Msci World
Mercato di riferimento: Azionario Mondo
Emittente: Hsbc
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 16,768 EUR   Data: 30.3.2020   Massimo (giorno): 16,78   Minimo (giorno): 16,3

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,15%
Armonizzato
Dividendo distribuito
Data stacco dividendo
Descrizione e commento:
L’HSBC Msci World UCITS ETF punta a replicare l’andamento dell’indice azionario globale Msci World. L’ETF nasce per permettere all’investitore di accedere attraverso un unico strumento finanziario ad un portafoglio dei titoli più importanti e capitalizzati su scala mondiale. Le società che rientrano in questo investimento sono spesso leader di mercato in un settore maturo. I dividendi vengono distribuiti 4 volte l'anno.
Sintesi:
L’HSBC Msci World UCITS ETF permette all’investitore di possedere una partecipazione nei più importanti titoli quotati nelle principali borse mondiali. L’investimento appare sufficientemente diversificato sia a livello settoriale che geografico.
Indice sottostante:
L'Msci World é un indice che comprende titoli azionari negoziati presso le borse dei principali mercati azionari mondiali. L'indice è ponderato in base alla capitalizzazione del flottante. il ribilanciamento avviene su base trimestrale. L’allocazione geografica vede un peso predominante degli Usa, con circa il 50% del totale, seguiti a distanza da Giappone, Gran Bretagna, Francia, Canada, Svizzera e Germania. L’allocazione settoriale vede una posizione predominante dei finanziari, seguiti da tecnologici, industriali, energetici, produttori di beni di largo consumo e farmaceutici.
Strategia:
Lo strumento, dato l’elevatissimo grado di diversificazione geografica e settoriale, e la rappresentatività dei maggiori indici azionari mondiali, appare idoneo a costituire la parte preponderante dell’investimento azionario in portafoglio.
Fattori di rischio:
Dato lo scarso peso dei titoli europei rispetto a quelli di Usa, Giappone e Gran Bretagna il rischio principale è rappresentato dalle variazioni dei tassi di cambio tra euro e dollaro, yen e sterlina.
La dinamica dei tassi d’interesse ha complessivamente un impatto contenuto. Le aziende che rientrano in questo investimento operano infatti su scala multinazionale e non sono caratterizzate da elevato indebitamento.

Ultime dai Blog

Sondaggi

Dopo la buona performance del 2019, l'indice Ftse Mib cosa farà nel 2020?
scenderà a 20.000 punti
rimarrà stabile intorno a 24.000 punti
salirà intorno a 26.000
schizzerà ai 30.000

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: info@browneditore.it