Scheda ETF

Nome: iShares Stoxx Europe Select Dividend 30 Ucits ETF (DE)

Dati principali

Nome: iShares Stoxx Europe Select Dividend 30 Ucits ETF (DE)
Sottostante: Stoxx Europe Select Dividend 30
Mercato di riferimento: Style
Emittente: iShares
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 12,352 EUR   Data: 3.4.2020   Massimo (giorno): 12,646   Minimo (giorno): 12,328

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi -26,6
6 mesi -30,23
12 mesi -30,23
36 mesi -43,34
  val.
Costi gestione annui 0,32%
Armonizzato Si
Dividendo distribuito 0,082746 EUR
Data stacco dividendo 15/1/2014
Descrizione e commento:
L’iShares Stoxx Europe Select Dividend 30 Ucits ETF (DE) è un fondo a gestione passiva che replica l’andamento dello STOXX Select Dividend 30, l’indice che raggruppa le azioni europee caratterizzate dai più alti dividendi. L’investimento permette quindi di puntare su un paniere diversificato di titoli caratterizzati da un alto valore della cedola rispetto alla quotazione.
Sintesi:
L’iShares Stoxx Europe Select Dividend 30 Ucits ETF (DE) permette di investire su un paniere di titoli europei che distribuiscono il maggiore flusso di dividendi, permettendo quindi di attenuare l’impatto dei ridimensionamenti delle quotazioni azionarie nelle fasi di mercato negative.
Indice sottostante:
Lo STOXX Europe Select Dividend 30 raggruppa le società di 18 Paesi del Vecchio continente che possono vantare la distribuzione di una cedola sostanziosa ai propri azionisti. Ogni società che fa parte dell'indice è ponderata per il proprio tasso di dividendo netto annuale, mentre la composizione dell'indice stesso è rivista annualmente, nel mese di marzo. Il settore più pesato è quello finanziario che supera il 35% dell’intera capitalizzazione. Seguono i consumi ciclici, le materie di base, le utilities e le comunicazioni. Tra i primi titoli in portafoglio segnaliamo United Utilities, Alliance Boots, Lloyds TSB, DSG International e Provident Financial. A livello geografico si nota un peso preponderante della Gran Bretagna che supera il 35% dell’intera capitalizzazione. Seguono con pesi inferiori Germania, Svezia, Francia e Norvegia.
Strategia:
La performance di questo Etf è caratterizzata da un’elevata componente anticiclica. Per questo l’investimento in questo strumento viene preferito nei periodi storici caratterizzati da stagnazione o recessione economica. L'elevata distribuzione dei dividendi, infatti, attenua l'impatto degli scenari negativi
Fattori di rischio:
L’investimento in questo strumento, dato l’elevato peso dei titoli inglesi, è caratterizzato da una discreta componente di rischio di cambio, in particolare in riferimento al cambio euro/sterlina. Il rendimento finale, visto l’elevato peso del settore finanziario, è inoltre condizionato dalla dinamica dei tassi di interesse. Meno significativo appare invece l’andamento del ciclo economico internazionale.

Ultime dai Blog

Sondaggi

Dopo la buona performance del 2019, l'indice Ftse Mib cosa farà nel 2020?
scenderà a 20.000 punti
rimarrà stabile intorno a 24.000 punti
salirà intorno a 26.000
schizzerà ai 30.000

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: info@browneditore.it