Scheda ETF

Nome: SPDR Thomson Reuters Global Convertible Bond UCITS ETF

Dati principali

Nome: SPDR Thomson Reuters Global Convertible Bond UCITS ETF
Sottostante: Thomson Reuters Qualified Global Convertible Index
Mercato di riferimento: Obbligazionario Corporate
Emittente: SPDR ETF
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 31,67 EUR   Data: 20.5.2019   Massimo (giorno): 31,975   Minimo (giorno): 31,645

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,50%
Armonizzato
Dividendo distribuito
Data stacco dividendo
Descrizione e commento:
L'obiettivo dello SPDR Thomson Reuters Global Convertible Bond UCITS ETF è quello di replicare la performance del mercato delle obbligazioni convertibili globali seguendo l'andamento del Thomson Reuters Qualified Global Convertible Index. E' adottato un metodo di replica fisica a campionamento. E' prevista la distribuzione semestrale di un dividendo. A livello geografico il peso preponderante nell'indice sottostante è riservato agli Stati Uniti, seguiti a distanza da Francia, Giappone e Germania.
Sintesi:
Questo ETF permette di prendere posizione su obbligazioni societarie convertibili emesse da società di tutto il mondo.
Indice sottostante:
IlThomson Reuters Qualified Global Convertible Index è composto da titoli del mercato mondiale delle obbligazioni convertibili. L'indice viene ribilanciato mensilmente e all'inizio di ogni periodo ogni singolo emittente non può avere un peso superiore al 4% dell'intero indice. E' prevista anche la possibilità di rimuovere le obbligazioni dal paniere durante il mese. Non sono ricomprese nell'indice le obbligazioni a conversione obbligatoria e le obbligazioni convertibili perpetue.
Strategia:
Questo Etf permette un investimento diversificato nell'obbligazionario corporate. L’Etf può essere utilizzato per aumentare la diversificazione di portafoglio. Il comparto non è a capitale protetto o garantito e dunque chi investe deve essere preparato e in grado di sostenere perdite del capitale investito.
Fattori di rischio:
La valuta di trattazione sul mercato regolamentato Borsa Italiana (Euro) non corrisponde alla valuta di contrattazione delll'indice (USD) e pertanto l’investitore è esposto alle variazioni del tasso di cambio tra la valuta del suddetto mercato e le valute dei titoli componenti l’indice.

Ultime dai Blog

Sondaggi

Dove sarà l'indice Ftse Mib a fine 2019?
Molto superiore ai livelli attuali (18.760)
Molto al di sotto ai livelli attuali
Agli stessi livelli
Di poco superiore ai livelli attuali
Di poco inferiore ai livelli attuali

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]