Scheda ETF

Nome: Amundi Etf Msci Europe Healthcare

Dati principali

Nome: Amundi Etf Msci Europe Healthcare
Sottostante: Msci Europe Healthcare
Mercato di riferimento: Indici settoriali
Emittente: AMUNDI Etf
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 296,2 EUR   Data: 16.4.2021   Massimo (giorno): 296,2   Minimo (giorno): 296,2

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,25%
Armonizzato Si
Dividendo distribuito No
Data stacco dividendo
Descrizione e commento:
L'Amundi Etf Msci Europe Healthcare ha l'obiettivo di replica il più esattamente possibile, sia al rialzo che al ribasso, l'andamento dell'indice MSCI Europe Health Care. L'ETF è a capitalizzazione, non è prevista quindi la distribuzione dei dividendi che pertanto vengono reinvestiti direttamente nel fondo.
Sintesi:
E' adatto a chi voglia un investimento focalizzato sul comparto delle maggiori aziende farmaceutiche europee o desideri diversificare il proprio portafoglio con un comparto considerato difensivo e sostanzialmente neutrale rispetto alle variazioni dei tassi di interesse. b
Indice sottostante:
L'Msci Europe Healthcare è composto da circa 30 titoli europei del settore farmaceutico.
Strategia:
Questo Etf è ideale per chi sia alla ricerca di un investimento focalizzato sul settore farmaceutico o desideri diversificare il proprio portafoglio. Il settore farmaceutico è un comparto noto per il proprio carattere difensivo e non risente in maniera particolare dei rallentamenti del ciclo economico. Essendo un Etf a capitalizzazione è indicato a chi non è interessato a una remunerazione periodica del proprio investimento.
Fattori di rischio:
Il comparto farmaceutico, tipicamente difensivo, è peferibile nelle fasi in cui l’economia non è in piena espansione. Il rischio di cambio è presente con riferimento al forte peso che al suo interno hanno le aziende svizzere e britanniche. Le variazioni dei cambi euro-sterlina ed euro-franco svizzero possono quindi avere effetti rilevanti sulle prestazioni dell’Etf. Inoltre, essendo le aziende componenti l’indice fortemente internazionalizzate, il cambio euro/dollaro può riflettersi indirettamente sulle sue performance. Poco rilevanti le reazioni ai tassi di interesse e quelle relative alle variazioni dei prezzi di petrolio e materie prime. x

Sondaggi

Dove andrà il Bitcoin alla fine del 2021?
crollerà a 10mila euro
sfonderà quota 100mila euro
salirà intorno ai 70mila euro
rimarrà intorno ai 40-50mila euro

Finanza.com è una testata giornalistica registrata. Registrazione tribunale di Milano n. 829 del 26/11/2004
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967