Finanza Notizie Mondo Nuova Zelanda, piano shock neo-premier Arden: stranieri non potranno più acquistare nostre case

Nuova Zelanda, piano shock neo-premier Arden: stranieri non potranno più acquistare nostre case

La notizia sta facendo il giro del mondo. Divieto di entrata nel mercato immobiliare residenziale della Nuova Zelanda per gli stranieri. A fare l’annuncio è lei stessa, la nuova premier Jacinda Arden:

“Abbiamo raggiunto un accordo per vietare l’acquisto di case esistenti da parte di acquirenti stranieri”, ha detto, rendendo noto il piano del governo volto a ridurre l’immigrazione e a stimolare la creazione di nuovi posti di lavoro.

Il primo ministro, che ha già fatto parlare di sè per aver definito il capitalismo “un lampante fallimento”, ha deciso di risolvere così, con il suo esecutivo, il problema della disponibilità limitata di abitazioni a prezzi accessibili.

Negli ultimi anni, di fatto, i prezzi delle case nel paese hanno riportato una forte impennata, sulla scia degli acquisti, che sono stati alimentati dai bassi tassi e dall’interesse, in modo particolare, degli investitori cinesi.

La corsa agli acquisti della case, in nuova Zelanda, avrebbe fatto lievitare a tal punto le quotazioni del mercato immobiliare al punto che, stando a quanto ritiene Hilliard McBeth, autore canadese del libro: “When the Bubble Bursts: Surviving the Canadian Real Estate Crash, i prezzi delle case nel paese sarebbero pari a 65 volte quelli del 1970, rispetto al valore pari a 45 volte quello degli anni Settanta delle case in Australia, e di 25 volte quello delle abitazioni canadesi.

Da segnalare che McBeth si riferisce ai dati che sono stati compilati dalla Banca dei Regolamenti Internazionali, e che tuttavia sono stati reputati dallo stesso istituto non perfetti, in quanto basati su diverse fonti che utilizzano diverse metodologie.

Detto questo, è innegabile che la crescita dei prezzi delle case neozelandesi sia tra le più alte al mondo, anche se una moderazione, nel trend, c’è stata.

Da un recente sondaggio citato dalla BCC e stilato dalla società di consulenti immobiliari Knight Frank è emerso infatti che, su base annua, i prezzi delle case sono saliti in Nuova Zelanda del 10,4%, facendo scendere il paese dalla terza alla decima posizione nella classifica dei 55 principali mercati immobiliari del mondo.

Nel giugno del 2017, in particolare, i prezzi delle case della capitale Wellington sono saliti del 18,1% su base annua, mentre quelli di Auckland, la più grande città della Nuova Zelanda, sono aumentati del 9,8%.