Finanza Notizie Mondo Usa danno ragione a Boeing: dazi 220% sui C-Series Bombardier. Canada: vogliono eliminare jet

Usa danno ragione a Boeing: dazi 220% sui C-Series Bombardier. Canada: vogliono eliminare jet

“Assurda e fuori dalla realtà”. E’ con queste parole che Bombardier, colosso canadese costruttore di aerei, ha definito l’imposizione di dazi doganali preliminari del 220%  sui jet CSeries da parte del dipartimento del Commercio Usa.

La decisione definitiva sui dazi verrà presa soltanto nel 2018, ma il caso irrigidisce le relazioni commerciali tra gli Stati Uniti e il Canada. Tutto è nato con un esposto presentato dal colosso aerospaziale americano Boeing, che ha accusato Bombardier di beneficiare dei sussidi del Canada facendo “dumping” sul mercato Usa.

Immediata la reazione del ministro canadese degli Affari esteri, Chrystia Freeland, che ha definito la proposta di imposizione di dazi un tentativo chiaro “di eliminare” i jet dal mercato degli Stati Uniti.

La notizia rimbalza sulla stampa mondiale, con il Guardian che focalizza la sua attenzione sull’effetto che l’imposizione di tale tariffa, avrebbe sui dipendenti di Bombardier dell’Irlanda del Nord. 

Il gruppo canadese è infatti quello attivo nel settore hi-tech che impiega il maggior numero di persone nell’Irlanda del Nord: sono più di 4.000 i dipendenti attivi nel suo impianto di Belfast. E almeno 1000 dipendenti lavorano proprio per il progetto C-Series per la costruzione di ali e di fusoliere per la nuova serie di jet passeggeri, che Bombardier produce per Delta Airlines, sulla scia della commessa del valore di $5,6 miliardi che si è aggiudicata lo scorso anno.

Ma la versione del dipartimento del Commercio Usa è chiara: “Boeing ritiene che la flotta C-Series di Bombardier, di cui una parte viene prodotta a Belfast, abbia ricevuto sussidi, in parte, con il bailout di $1 miliardi finanziato dal governo regionale del Quebec

A questo punto le controparti dovranno aspettare la sentenza finale, che arriverà il prossimo febbraio. Il Guardian fa notare che, nel caso in cui i dazi doganali fossero imposti, i costi degli aerei venduti negli Usa balzerebbero di più del triplo a $61 milioni per aereo. Boeing ritiene che Delta abbia ricevuto gli aerei per $19 milioni circa.

Da segnalare che con l’accordo siglato lo scorso anno il governo del Quebec si è impegnato a investire $1 miliardo nel programma di produzione dei jet passeggeri C-Series.

Al momento Delta Airlines si è detta fiduciosa sul fatto che l’esposto di Boeing contro la vendita dei jet C-Series di Bombardier negli Usa sarà alla fine rigettato.