Tesla costretta a richiamare più di 285.000 auto in Cina per problemi a sistema controllo velocità

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Laura Naka Antonelli

28 giugno 2021 - 14:41


MILANO (Finanza.com)

Le autorità di regolamentazione cinesi hanno chiesto a Tesla di richiamare più di 285.000 auto che il colosso fondato da Elon Musk ha venduto in Cina, a causa di preoccupazioni legate al sistema per il controllo della velocità.

Secondo quanto riportato dalle autorità, il sistema potrebbe infatti attivarsi di colpo in alcuni modelli, provocando un'accelerazione dell'auto non intenzionale.

Il richiamo interessa 35.665 veicoli Model 3 importati e 249.855 auto Model 3 e Model Y che sono stati prodotti nell'impianto di Tesla di Shanghai e, in generale, quasi ogni singola auto che è stata prodotta localmente e che Tesla ha venduto in Cina a partire dal gennaio del 2020.

Tesla si è scusata, diramando un comunicato in cui si impegna "ad adeguarsi strettamente alle regole cinesi" e "a migliorare la sicurezza" dei propri prodotti.

Il titolo Tesla segna un lieve rialzo in premercato a Wall Street, salendo dello 0,14% a $673.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Finanza.com è una testata giornalistica registrata. Registrazione tribunale di Milano n. 829 del 26/11/2004
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967