Dimon fa mea culpa, il ceo di JP Morgan si scusa per battuta su partito comunista cinese

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Titta Ferraro

24 novembre 2021 - 17:18


MILANO (Finanza.com)

"Mi dispiace e non avrei dovuto fare quel commento. Stavo cercando di enfatizzare la forza e la longevità della nostra banca". Così l'amministratore delegato di JP Morgan Chase, Jamie Dimon, a 24 ore di distanza si scusa per le sue osservazioni secondo cui la sua banca durerà più a lungo del Partito comunista cinese.

Dimon aveva infatti detto: "Ho fatto una battuta l'altro giorno sul fatto che il Partito Comunista sta celebrando il suo centesimo anno, così come JP Morgan. Scommetto che noi dureremo più a lungo". Parole che certamente non hanno fatto piacere a Pechino. Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha detto: "È davvero necessario citare tali osservazioni che hanno solo lo scopo di attirare l'attenzione della gente?".

JP Morgan ha grandi ambizioni in Cina e ad agosto ha ottenuto l'approvazione normativa da Pechino per diventare il primo proprietario straniero completo di un'agenzia di intermediazione mobiliare nel paese.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Finanza.com è una testata giornalistica registrata. Registrazione tribunale di Milano n. 829 del 26/11/2004
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967