Crescono i dubbi su Nikola, indaga anche il Dipartimento di Giustizia e il titolo affonda

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Titta Ferraro

16 settembre 2020 - 13:01

MILANO (Finanza.com)

Continua il sell-off sul titolo Nikola. Ieri il titolo del produttore Usa di camion elettrici e a idrogeno ha ceduto l'8,27% e anche oggi nel pre-market fioccano le vendite con titolo in calo dell'8% circa in area 30$.

Le vendite sono partite settimana scorsa con le pesanti accuse da parte di Hindenburg Research, noto short seller, che ha accusato Nikola di essere “una frode complessa costruita su decine di menzogne”.

Dipartimento di Giustizia e SEC vogliono vederci chiaro

Ieri le vendite sono tornate cospicuue dopo un rapporto del Wall Street Journal che ha affermato che il Dipartimento di Giustizia si è unito alla Securities and Exchange Commission (SEC) per esaminare le accuse secondo cui Nikola ha fornito informazioni fuorvianti agli investitori. Il Wsj afferma che l'indagine è gestita dall'ufficio del procuratore degli Stati Uniti di Manhattan, in collaborazione con le autorità di regolamentazione di Borsa.

Nikola lunedì ha affermato di aver contattato la stessa SEC sulla scia di quanto affermato dal venditore allo scoperto Hindenburg Research. Hindenburg, in una nota ieri ha ribadito alcune delle sue critiche e ha affermato che la società non ha risposto completamente o ha eluso le domande che aveva posto.

Tonfo in Borsa dopo euforia per accordo con GM

Il tonfo in Borsa del titolo - che dopo l'annuncio dell'accordo con GM si era spinto fino a 54 $ - ha indotto il CEO Trevor Milton a dare un ulteriore segnale agli investitori acquistando in prima persona azioni Nikola per $ 1,3 mln al prezzo medio di 30,9 dollari.

Nel frattempo GM, che ha recentemente stretto una partnership con Nikola, ha dichiarato che rimane impegnata nell'accordo. L'italiana CNH Industrial ha dichiarato che 5 prototipi dei camion a trazione elettrica sono in fase di assemblaggio per avviare entro fine anno i test su strada.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

www.finanza.com è gestito e mantenuto da T-Mediahouse s.r.l, Società sottoposta ad attività di direzione e coordinamento di Triboo S.p.A.
Sede legale e operativa: Viale Sarca 336, Edificio 16, 20126 Milano (MI), P. IVA, C.F. e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano-Monza-Brianza-Lodi 06933670967