Regno Unito: crescita resta debole, ma è improbabile che si traduca in taglio tassi della BoE

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Daniela La Cava

11 febbraio 2020 - 13:04

MILANO (Finanza.com)

Gli
ultimi dati in arrivo dal Regno Unito mettono in evidenza un'economia debole. In particolare, secondo la lettura preliminare diffusa oggi, nel quarto trimestre 2019 il Pil inglese è rimasto invariato rispetto ai tre mesi precedenti, in peggioramento dal +0,4% del terzo trimestre. Il dato è in linea con il consensus degli analisti. "L'economia britannica non è cresciuta nel quarto trimestre, ma questa è una 'vecchia notizia' per i mercati", sottolinea James Smith, economista di Ing, secondo il quale "sarebbe necessario un peggioramento sostanziale dell'attività economica nel Regno Unito per convincere la Banca d'Inghilterra a ridurre i tassi di interesse". Per Smith la Bank of England manterrà un atteggiamento attendista, con tassi fermi per il resto del 2020.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

www.finanza.com è gestito e mantenuto da T-Mediahouse s.r.l, Società sottoposta ad attività di direzione e coordinamento di Triboo S.p.A.
Sede legale e operativa: Viale Sarca 336, Edificio 16, 20126 Milano (MI), P. IVA, C.F. e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano-Monza-Brianza-Lodi 06933670967