Corte costituzionale tedesca, Bce prende atto della sentenza ma ribadisce: per Corte Ue rispettiamo mandato

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Laura Naka Antonelli

6 maggio 2020 - 07:47

MILANO (Finanza.com)

A seguito della sentenza-minaccia della Corte costituzionale tedesca, che ha dato alla Bce tre mesi di tempo per dimostrare la necessità del suo piano di acquisti di titoli pubblici (piano PSPP, più noto con il nome di Quantitative easing), pena l'addio al programma della Bundesbank, la Bce ha diramato un comunicato, affermando che rimane pienamente impegnata a fare tutto il necessario per l'economia dell'Eurozona.

La banca centrale ha reso noto di aver preso atto della decisione della corte tedesca sul QE, precisando allo stesso tempo che la Corte di Giustizia europea le aveva riconosciuto il rispetto del mandato conferitole dalla legge.

Ancora, la Bce ha confermato alla Germania di essere pienamente impegnata a rispettare il mandato sulla stabilità dei prezzi, dunque sull'inflazione.


Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

www.finanza.com è gestito e mantenuto da T-Mediahouse s.r.l, Società sottoposta ad attività di direzione e coordinamento di Triboo S.p.A.
Sede legale e operativa: Viale Sarca 336, Edificio 16, 20126 Milano (MI), P. IVA, C.F. e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano-Monza-Brianza-Lodi 06933670967