Fmi taglia outlook Pil Asia, 'contrazione più forte in India, Filippine, Malesia'. Upgrade per la Cina

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Laura Naka Antonelli

22 ottobre 2020 - 07:38

MILANO (Finanza.com)

Il Fondo Monetario Internazionale ha rivisto al ribasso le stime sulla crescita dell'Asia, prevedendo una contrazione del Pil, quest'anno, del 2,2%, peggiore della flessione del -1,6% attesa a giugno.

Il downgrade, si legge nell'ultimo Outlook economico regionale dedicato all'area Asia-Pacifico, "riflette una contrazione più forte, soprattutto in India, nelle Filippine e in Malesia".

In particolare, il Pil dell'India è atteso crollare del 10,3% nell'anno fiscale che termina il prossimo 31 marzo del 2021, decisamente peggio della contrazione del 4,5% attesa a giugno.

Il Pil delle Filippine dovrebbe secondo l'Fmi scendere dell'8,8% nel 2020, peggio del -3,6% previsto in precedenza.

Il Pil della Malesia è atteso in contrazione del 6%, quest'anno, peggio rispetto al -3,8% atteso a giugno.

Il Pil della Cina è stato rivisto invece al rialzo, in crescita nel 2020 al ritmo dell'1,9%, rispetto al +1% atteso nell'outlook di giugno, grazie alla "ripresa dell'economia più veloce delle attese (dalla crisi della pandemia coronavirus), nel corso del secondo trimestre.

In generale, l'economia dell'Asia dovrebbe crescere del 6,9% nel 2021, in rialzo rispetto al +6,6% stimato a giugno.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Ultime dai Blog


Finanza.com è una testata giornalistica registrata. Registrazione tribunale di Milano n. 829 del 26/11/2004
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967