Apple, effetto coronavirus: Foxconn punta a ripristinare 50% produzione in Cina entro fine febbraio

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Laura Naka Antonelli

12 febbraio 2020 - 07:23

MILANO (Finanza.com)

Foxconn, colosso taiwanese maggiore rifornitore di Apple, che assembla nelle fabbriche cinesi gli iPhone del colosso americano, spera di riuscire a ripristinare il 50% della produzione in Cina entro la fine di febbraio. E' quanto ha riferito una fonte a Reuters. Foxconn punta inoltre a ripristinare l'80% della sua produzione nel mese di marzo.

Diverse aziende e fabbriche situate in Cina che riforniscono le multinazionali rimangono tuttora chiuse, praticamente in quarantena, dietro ordine del governo di Pechino, allo scopo di contenere il diffondersi del coronavirus, battezzato dall'Organizzazione mondiale della Sanità COVID-19.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Ultime dai Blog


Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: info@browneditore.it