Notiziario Notizie Altri paesi Europa L’Orso graffia i super paperoni: l’1% più ricco d’America perde $ 1,5 trilioni

L’Orso graffia i super paperoni: l’1% più ricco d’America perde $ 1,5 trilioni

Per la serie anche i ricchi piangono. Ancor prima che le azioni statunitensi entrassero in bear market (oltre -20% dai massimi), l’1% più ricco del Paese stava già registrando perdite enormi.  Secondo le nuove stime della Federal Reserve, la ricchezza complessiva negli USA è crollata di 701 miliardi di dollari lo scorso trimestre, il primo calo dall’inizio del 2020. Un brusco stop della straordinaria corsa di due anni che ha aggiunto più di 11.000 miliardi di dollari al loro patrimonio netto collettivo.

Le perdite del mercato azionario hanno intaccato la quota di ricchezza controllata dal top 1% degli americani, che è scesa al 31,8% alla fine del primo trimestre rispetto al record del 32,2% di inizio anno, secondo i dati della Fed. Tuttavia, il loro patrimonio netto collettivo è rimasto di quasi 45 trilioni di dollari, più dei 43,5 trilioni di dollari detenuti dal 90% inferiore. A parte l’anno scorso, il top 1% detiene una quota maggiore della ricchezza statunitense rispetto a qualsiasi altro momento delle stime della banca centrale risalenti al 1989.  

“La gente ha paura”, ha dichiarato Nicole Gopoian Wirick, pianificatrice finanziaria e presidente di Prosperity Wealth Strategies. “Nessuno vuole vedere il proprio portafoglio di investimenti diminuire del 20% o più. Per i clienti più facoltosi, a volte il calo è ancora più profondo perché si tratta di una cifra importante”. I soggetti al di fuori del Top 1% più ricco d’America detengono meno del 12% delle azioni, il che ha contribuito a isolarli dalla volatilità dei primi tre mesi dell’anno. Tuttavia, anche il mercato immobiliare, un fattore chiave per i guadagni di ricchezza dell’era pandemica sia per i ricchi che per la classe media, si è raffreddato di recente, con i tassi dei mutui che sono saliti ai livelli più alti dal 2008, mentre la Fed ha inasprito la politica monetaria per affrontare l’inflazione più alta degli ultimi 40 anni. Gli individui più ricchi, che hanno beneficiato maggiormente della corsa del mercato azionario fino al 2021, offrono un’idea dell’entità delle perdite per i ricchi che detengono grandi posizioni in azioni. Gli americani che rientrano nel Bloomberg Billionaires Index hanno perso circa 760 miliardi di dollari quest’anno, di cui 690 miliardi dalla fine del primo trimestre. La persona più ricca del mondo, Elon Musk, ha visto il suo patrimonio personale ridursi di 64,5 miliardi di dollari dalla fine del 2021, portando il suo patrimonio netto a circa 206 miliardi di dollari.   D’altro canto, la metà più povera degli americani ha aumentato nuovamente la propria ricchezza nello scorso trimestre, continuando una tendenza iniziata quando il Covid-19 è stato rilevato per la prima volta negli Stati Uniti all’inizio del 2020. Il patrimonio netto del gruppo è aumentato di 164 miliardi di dollari nei primi tre mesi dell’anno, raggiungendo i 3.900 miliardi di dollari.