Grecia: riaprono le banche, Borsa ancora chiusa. Scatta l’aumento dell’Iva

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Alberto Bolis

20 luglio 2015 - 10:38

MILANO (Finanza.com)

<
div>Le banche greche riaprono oggi dopo tre settimane di chiusura, mentre restano fermi gli scambi alla Borsa di Atene. Restano in vigore i controlli sui capitali per i cittadini greci anche se con qualche modifica: rimane invariato il tetto ai prelievi di contanti a 60 euro al giorno, ma sarà possibile ritirare 420 euro a settimana in un’unica operazione. 

Scatta oggi l’aumento dell’Iva, che dovrebbe portare nelle casse di Atene circa 1 miliardo di euro in più ogni anno. L’imposta su moltissimi prodotti subirà un balzello di 10 punti percentuali salendo al 23 per cento. Con l’aliquota minima del 6% rimarranno libri e farmaci, mentre su alberghi e elettricità l’Iva sarà pari al 13 per cento.

Con l’aumento dell’Iva la Grecia riceverà oggi dal Fondo salva-Stati (ESM) un prestito da oltre 7 miliardi di euro. Pochissimo però rimarrà nelle casse elleniche visto che 4,2 miliardi di euro dovranno essere rimborsati alla Banca centrale europea, mentre circa 2 miliardi di euro andranno al Fondo monetario internazionale.

Tutte le notizie su: grecia, banche, borsa atene, Iva, prestito, esm

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

www.finanza.com è gestito e mantenuto da T-Mediahouse s.r.l, Società sottoposta ad attività di direzione e coordinamento di Triboo S.p.A.
Sede legale e operativa: Viale Sarca 336, Edificio 16, 20126 Milano (MI), P. IVA, C.F. e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano-Monza-Brianza-Lodi 06933670967