Visco dice sì alla bad bank. Bankitalia alza stime crescita e prepara 130 mld per il QE

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Titta Ferraro

9 febbraio 2015 - 09:34


MILANO (Finanza.com)

<
div>E' arrivato l'avallo del governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, al varo di una bad bank anche in Italia dove far confluire i crediti in sofferenza. Il numero uno di via Nazionale ha definito "cruciale" l'istituzione di una bad bank per togliere alle banche la zavorra delle sofferenze e liberare risorse per finanziare imprese e famiglie. 
La bad bank, già praticata in paesi europei quali Spagna, Irlanda e Slovenia, dovrebbe permettere di liberare risorse incagliate nei bilanci delle banche favorendo il rilancio della crescita. A fine novembre risultavano pari a 181 miliardi di euro i crediti in sofferenza. Visco ha precisato che servirà il pieno coinvolgimento delle banche nei costi dell'operazione "e un'adeguata remunerazione del sostegno pubblico". 

Ok anche a riforma delle banche popolari 
Dal palco dell'AssiomForex il governatore di Bankitalia ha dato pieno assenso anche alla riforma delle popolari che a suo avviso "risponde a esigenze da tempo segnalate". 

Bankitalia metterà sul piatto 130 mld per QE 
Non sono mancati riferimenti all'azione della Bce, che il prossimo mese darà il via al piano di quantitative easing da 60 miliardi di euro al mese. Dovrebbe aggirarsi a circa 130 miliardi di euro gli acquisti di titoli di stato italiani da parte della banca d'Italia nell'ambito del programma Bce. Gli interventi delle banche centrali nazionali saranno commisurati alle rispettive quote del capitale della Bce. 

Riviste al rialzo le stime di crescita 
Revisione al rialzo delle stime di crescita da parte di Bankitalia. Ignazio Visco, ha annunciato sabato che le previsioni per quest'anno e il prossimo sono state riviste al rialzo in virtù dell'effetto positivo sull'economia italiana del programma di quantitative easing della bce, al via il prossimo mese. le nuove stime vedono il pil 2015 a +0,5% rispetto al +0,4% indicato lo scorso mese e a +1,5% nel 2016 (dal +1,2% precedente). "Le ulteriori variazioni dei tassi di interesse e del cambio derivanti dalle nuove misure della Bce potranno portare a una più elevata crescita del Pil, al momento valutabile al di sopra dello 0,5% quest'anno e dell'1,5% il prossimo", ha rimarcato Visco nel corso del suo intervento al convegno  dell'AssiomForex.

Tutte le notizie su: Visco, bankitalia, bad bank

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Finanza.com è una testata giornalistica registrata. Registrazione tribunale di Milano n. 829 del 26/11/2004
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967