Unicredit sorprende con una politica dividendi generosa, balzo del titolo

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Valeria Panigada

6 febbraio 2020 - 09:43

MILANO (Finanza.com)

Risultati trimestrali sopra le attese ma soprattutto una politica dei dividendi più generosa del previsto per Unicredit. La banca di piazza Gae Aulenti ha sorpreso il mercato annunciando per il 2019 un dividendo di 0,63 euro ma ancora di più un aumento dal 40 al 50% del payout già nel 2020 e la possibilità di pagare un dividendo straordinario nel 2021/2022, ipotesi quest'ultima che non era contemplata nel piano. La sorpresa ha fatto scattare in avanti il titolo in Borsa: dopo un iniziale stop per eccesso di rialzo, l'azione segna un progresso di circa il 5% circa a 13,4 euro.

 

Nel IV trimestre rosso da 0,8 mld a causa di poste straordinarie, meglio di attese
Unicredit ha chiuso il quarto trimestre del 2019 con una perdita netta di 835 milioni, a causa di poste straordinarie che hanno pesato sul risultato per 2,3 miliardi (al netto delle imposte). Il dato è comunque migliore delle attese degli analisti che avevano pronosticato un rosso di 1,14 miliardi. Escluse queste poste, il risultato netto è salito del 68,5% a 1,4 miliardi. I ricavi sono aumentati del 3,4% a 4,85 miliardi, grazie alla crescita delle commissioni e dei proventi da negoziazioni che hanno compensato il calo del margine di interesse.

Per quanto riguarda lo stato patrimoniale, Unicredit appare solida con un CET1 ratio al 13,09 per cento. Il rapporto tra crediti deteriorati lordi e totale crediti è pari al 5% nel 2019, migliore della guidance e in calo del 2,7% su base annua, con le esposizioni deteriorate lorde scese di 12,9 miliardi rispetto all'anno precedente.


Dividendo di 0,63 euro e per i prossimi anni possibile una cedola straordinaria
Alla luce di questa performance, Unicredit ha proposto la distribuzione di un dividendo pari a 0,63 euro per azione, che verrà messo in pagamento ad aprile. Ma a sorprendere maggiormente il mercato è la politica dei dividendi futura, a partire dal 2020, che potrebbe vedere anche una cedola straordinaria.

"L’utile consolidato sottostante è la base per la nostra proposta di distribuzione del capitale per l’esercizio 2019, che consiste in 1,4 miliardi di dividendi cash e 0,5 miliardi in riacquisto di azioni proprie, soggetto all’approvazione dell’assemblea degli azionisti e dell’autorità competente", ha precisato Jean Pierre Mustier, amministratore delegato di UniCredit, aggiungendo: "Considereremo un incremento della distribuzione di capitale al 50% per il 2020, pagato nel 2021, e per il resto del piano. Come abbiamo già ribadito, preferiamo il riacquisto di azioni proprie, rispetto all’M&A. Ciò non è cambiato".


Per Equita dividendo 2020 si aggirerà su 0,80 euro cash e nel 2021 a 1,5 euro
"In base ai nostri calcoli, l'aumento del payout dovrebbe portare a un dividendo per azione 2020 da 79 a 99 centesimi, di cui 80 centesimi cash e 20 via buyback, per uno yield del 7,5% - ha stimato Equita nella nota odierna, diffusa dopo i conti di Unicredit - Inoltre, ipotizzando un MDA (Maximum Distributable Amount, ndr) buffer di 250bps ci sarebbe spazio nel 2021 per un dividendo straordinario fino a 1,5 euro per azione". Al di là dell'importo del pagamento, l'ulteriore miglioramento della dividend policy, secondo la sim milanese, ha un valore segnaletico determinante riguardo alla rinnovata stabilità sulla posizione di capitale e sulle prospettive reddituali del gruppo. Il suo giudizio su Unicredit rimane quindi confermato al gradino Buy (acquistare) con un target price pari a 16,5 euro.

 

Unicredit conferma target 2020, focus si sposta su rafforzamento clientela
Unicredit ha confermato i target per il 2020 prevedendo ricavi pari a 18,2 miliardi e un utile netto sottostante di 4,3 miliardi, con costi inferiori a 10,2 miliardi. Per il futuro la banca intende focalizzarsi maggiormente sul rafforzamento della propria clientela: "Con il successo di Transform 2019 alle spalle, possiamo adesso dedicare tutte le nostre energie e i nostri sforzi per conseguire il nostro nuovo piano, Team 23 - ha detto Mustier - Mentre Transform 2019 era un piano di ristrutturazione e riassetto del gruppo, Team 23 si focalizza sul rafforzamento e la crescita della nostra base clienti".

Tutte le notizie su: unicredit

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

www.finanza.com è gestito e mantenuto da T-Mediahouse s.r.l, Società sottoposta ad attività di direzione e coordinamento di Triboo S.p.A.
Sede legale e operativa: Viale Sarca 336, Edificio 16, 20126 Milano (MI), P. IVA, C.F. e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano-Monza-Brianza-Lodi 06933670967