Ubi Banca lascerà Piazza Affari il 18 settembre. Nuova sede di Intesa a Porta Nuova?

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Valeria Panigada

12 agosto 2020 - 10:08

MILANO (Finanza.com)

Ubi Banca si prepara a lasciare Piazza Affari, dopo che Intesa Sanpaolo ha acquisito oltre il 90% attraverso l'Opas chiusa a inizio mese. L'istituto di Ca' de Sass detta i tempi e fissa al 18 settembre il delisting di Ubi, vale a dire dopo che si sarà chiusa anche l'offerta sulle azioni non ancora conferite.

 

Il calendario che porterà al delisting di Ubi
Il periodo concordato con Borsa Italiana per l'acquisto delle azioni residue di Ubi Banca avrà inizio alle ore 8.30 (ora italiana) del 24 agosto e terminerà alle ore 17.30 (ora italiana) dell’11 settembre, salvo eventuali proroghe. L'offerta riguarda il 9,8164% del capitale e il prezzo sarà uguale a quello dell'Opas, vale a dire 1,7 azioni Intesa più un corrispettivo cash di 0,57 euro, oppure un ammontare tutto in denaro d 3,539 euro.

Il pagamento del corrispettivo sarà effettuato il quarto giorno di Borsa aperta successivo alla data di chiusura del periodo, ossia in data 17 settembre. Le azioni ordinarie di Ubi Banca saranno quindi revocate dalla quotazione a Piazza Affari (ossia opererà il delisting) a decorrere dal giorno di Borsa aperta successivo al giorno di pagamento del corrispettivo, vale a dire il 18 settembre. In seguito alla revoca delle azioni dalla quotazione, i titolari di azioni Ubi che non hanno aderito all'offerta saranno titolari di strumenti finanziari non negoziati in alcun mercato regolamentato, con conseguente difficoltà di liquidare il proprio investimento.

Intesa ricorda che per il gruppo risultante dall’acquisizione di Ubi Banca avrà dal 2022 un utile netto non inferiore a 5 miliardi di euro e il proseguimento di una strategia focalizzata sulla remunerazione per gli azionisti e sul mantenimento di solidi coefficienti patrimoniali. Il nuovo piano verrà presentato entro la fine del 2021, appena lo scenario macroeconomico sarà diventato più chiaro.


Trasloco in vista per Intesa nel grattacielo di Porta Nuova?
Intanto tra i corridoi serpeggiano le prime voci su una possibile nuova sede di Intesa a Milano. Secondo un articolo de Il Sole 24 Ore pubblicato oggi, non è escluso che il nuovo headquarter del gruppo sarà la torre Gioia22, il grattacielo di Porta Nuova sviluppato da Coima per conto del fondo sovrano di Abu Dhabi e che era stato appena acquistato da Ubi Banca. Un immobile che oggi passa nelle mani di Intesa. Il quotidiano fa sapere che la questione non è ancora stata affrontata neanche in maniera preliminare. Si vedrà nei prossimi mesi.

Tutte le notizie su: Intesa SanPaolo Ubi Banca

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

www.finanza.com è gestito e mantenuto da T-Mediahouse s.r.l, Società sottoposta ad attività di direzione e coordinamento di Triboo S.p.A.
Sede legale e operativa: Viale Sarca 336, Edificio 16, 20126 Milano (MI), P. IVA, C.F. e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano-Monza-Brianza-Lodi 06933670967