Pil Italia, da FMI maxi taglio ad outlook 2021: prevista crescita +3% rispetto a +6% NaDef

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Laura Naka Antonelli

26 gennaio 2021 - 15:32

MILANO (Finanza.com)

Altro che crescita del 6% nel 2021. Il Fondo Monetario Internazionale ha tagliato le stime sull'espansione del Pil italiano relativa a quest'anno di 2,2 punti percentuali, ad appena +3%.

L'FMI ha però migliorato le previsioni per il 2022, prevedendo una crescita del 2022, 1% circa meglio del precedente outlook di ottobre.

Per il 2020 l'Fmi stima una flessione del prodotto interno lordo dell'Italia del 9,2%, meglio del -10,6% stimato qualche mese fa.

Lo scorso 20 gennaio, il ministro dell'economia Roberto Gualtieri aveva riconosciuto la presenza di "rischi al ribasso per la previsione programmatica 2021 (che punta a un rialzo del Pil pari a +6%)".

"Tuttavia - aveva continuato il titolare del Tesoro - se la campagna di vaccinazione proseguirà secondo le previsioni e se da un lato gli interventi di politica economica definiti dalla legge di bilancio e integrati dalle misure di sostegno del prossimo decreto, e dall'altro gli investimenti previsti nel Recovery Plan saranno tempestivamente attuati, il risultato di crescita di quest'anno non risulterà molto inferiore a quanto previsto nella Nadef".

Sempre qualche giorno fa Gualtieri aveva detto di essere fiducioso sulla possibilità che il Fondo Monetario Internazionale potesse migliorare le stime (quelle del 2020 e del 2022 sono di fatto migliori, sicuramente non quella del 2021).

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Finanza.com è un allegato di Finanzaonline, periodico telematico reg. Trib. Roma
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967