Nei primi sei mesi del 2020 oltre il 14% dei lavoratori del settore privato ha lavorato da remoto

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Alessandra Caparello

22 gennaio 2021 - 11:52

MILANO (Finanza.com)

Gli effetti dello smart working sui lavoratori e sulle imprese del settore privato sarebbero positivi, in quanto sono stati preservati livelli salariali e occupazione. Così emerge da tre nuove pubblicazioni diffuse oggi sul sito della Banca d’Italia, della serie “Note Covid-19” di Bankitalia secondo cui il lavoro agile avrebbe contribuito a limitare le conseguenze negative della pandemia sulla domanda aggregata e sull’occupazione.
Nella prima metà del 2020 oltre il 14% dei lavoratori del settore privato non agricolo ha lavorato da remoto; nel 2019 era meno dell’1,5%. L’incremento ha riguardato soprattutto donne, lavoratori di grandi imprese e specifici settori a mansioni più “telelavorabili” (in particolare informazione e comunicazione, nonché attività finanziarie e assicurative). In media i dipendenti in smart working hanno lavorato più ore (6%) e hanno fatto meno ricorso alla Cassa Integrazione Guadagni (CIG) rispetto a quelli che non hanno usufruito del lavoro da remoto.

Tutte le notizie su: smart working

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Finanza.com è un allegato di Finanzaonline, periodico telematico reg. Trib. Roma
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967