Lavoro: si riduce il gap di genere ma rimane tra i più alti d'Europa. Occupazione femminile ancora bassa

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Valeria Panigada

26 febbraio 2020 - 15:50

MILANO (Finanza.com)

Si è ridotto il gap di genere in termini di occupazione, ma il lavoro femminile rimane ancora basso, soprattutto nel Mezzogiorno, e il divario tra i due sessi è tra i più alti d'Europa. Secondo i dati raccolti dall'Istat, dal 1977 al 2018 il tasso di occupazione per gli uomini è sceso di 7 punti (dal 74,6 al 67,6%), mentre per le donne è aumentato di 16 punti (dal 33,5 del 1977 al 49,5%). Conseguentemente nell’arco di 40 anni il divario di genere è diminuito da 41 punti a 18. La diminuzione, sottolinea l'Istat, è dovuta sia al calo dell’occupazione maschile, che all’aumento di quella femminile. Tuttavia il divario di genere nei tassi di occupazione in Italia rimane tra i più alti di Europa (circa 18 punti su una media europea di 10).

Permangono inoltre forti le differenze territoriali. Nel 2018 nel Mezzogiorno solo il 32,2% delle donne tra i 15 e i 64 anni lavora (59,7% nel Nord), un valore inferiore alla media nazionale delle donne nel 1977 (33,5%).

Tutte le notizie su: lavoro Italia

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Ultime dai Blog


Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: info@browneditore.it