Italia si conferma ultima classe anche in 2019-2020. Sua crescita Pil sarà la peggiore in Eurozona e Ue

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Laura Naka Antonelli

7 febbraio 2019 - 11:36

MILANO (Finanza.com)

L'Italia si conferma ultima classe in Eurozona e Unione europea anche nel 2019 e 2020. E' quanto si legge nel comunicato con cui la Commissione europea ha reso nota la decisione di tagliare le stime sulla crescita del Pil per il 2019 e 2020.

A peggiorare la situazione, sarà l'allargamento del divario di crescita rispetto alla media dell'Eurozona, che passerà da uno scarto dello 0,9% nel 2018 all'1,1% nel 2019 per scendere a 0,8% nel 2020.

Solo nel 2015 la distanza rispetto alla media Eurozona è stata superiore, a 1,2%, stesso livello del periodo 2010-2014.

Bruxelles ha abbassato l'outlook sulla crescita italiana prevista per il 2019 da +1,2% a +0,2%.

Downgrade anche sul Pil del 2020, atteso ora in espansione dello 0,8%, 4 decimali di punto in meno rispetto alle previsioni di novembre.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Finanza.com è una testata giornalistica registrata. Registrazione tribunale di Milano n. 829 del 26/11/2004
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967