Italia, Barclays su debito pubblico: 'calo quota stranieri in BTP abbassa rischio di capitolazione'

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Laura Naka Antonelli

8 luglio 2020 - 14:59

MILANO (Finanza.com)

Oltre all'assist che la Bce sta fornendo alla carta italiana con i suoi vari programmi di stimoli monetari, altro aspetto dovrebbe in qualche modo blindare il paese: il fatto che la quota di debito pubblico in mano agli investitori stranieri sia scesa, nell'ultimo decennio, di 25 punti base, circa al 30%. E' quanto emerge da un report stilato dagli analisti di Barclays.

Tale fattore, scrivono gli analisti, dovrebbe aiutare a ridurre 'il rischio di capitolazione (dell'Italia), ovvero il rischio di un'ondata destabilizzante di sell da parte degli investitori che, a sua volta, minaccerebbe di scatenare una crisi del debito nella periferia dell'Eurozona".

Il trend discendente della quota di BTP nelle mani degli stranieri potrebbe tra l'altro, secondo Barclays, continuare: la partecipazione potrebbe infatti, secondo gli analisti, calare dal 30% attuale a un valore poco al di sopra del 20%: ciò renderebbe l'Italia molto meno vulnerabile al rischio di capitolazione rispetto a quello corso prima della crisi dei debiti dell'Eurozona, quando erano questi investitori (non domestici) a detenere la fetta più grande del debito italiano in circolazione".

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Ultime dai Blog


www.finanza.com è gestito e mantenuto da T-Mediahouse s.r.l, Società sottoposta ad attività di direzione e coordinamento di Triboo S.p.A.
Sede legale e operativa: Viale Sarca 336, Edificio 16, 20126 Milano (MI), P. IVA, C.F. e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano-Monza-Brianza-Lodi 06933670967