Italexit, Gualtieri: 'rischio del tutto escluso. Su Pil rimbalzo già a gennaio, ma pagata cara tassa-Salvini'

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Laura Naka Antonelli

2 febbraio 2020 - 11:00

MILANO (Finanza.com)

"Abbiamo evitato al paese una deriva drammatica, io sono molto fiducioso, vedremo un rimbalzo già a gennaio con una crescita e la possibilità di fare ancora meglio". Lo ha detto il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri parlando all'assemblea nazionale di Italia viva. Gualtieri è stato presentato ufficialmente dal leader di Italia Viva, Matteo Renzi come "nostro candidato alle elezioni suppletive di Roma 1 del primo marzo".

Nel commentare le condizioni in cui versa l'economia italiana, il ministro ha parlato della necessità di "spendere tutti i soldi messi in manovra e fare quelle cose che ora abbiamo la possibilità di fare". Cose che "vanno fatte immediatamente per dare scossa e rilancio a paese". E ora abbiamo più fiducia" anche perchè "lo spread è in calo".-

Sul rischio Italexit, si tratta di "un rischio del tutto escluso, gli italiani sono ragionevoli e sanno che sarebbe una follia totale che non ha il consenso della maggioranza degli italiani, non avverrà mai".

"Salvini cerca periodicamente di dire che è cambiato rispetto alla linea antieuropea, che non gli porta bene, ma poi si ripresenta la verità: Salvini è quella roba lì, che porta la Le Pen e i nemici dell'Italia a Roma ma penso che i romani risponderanno con ironia mantenendo le distanze".

In ogni caso, "abbiamo una tassa-Salvini che abbiamo pagata cara, quanto più la ridurremo più daremo fiducia al paese".

"Pensate cosa sarebbe successo se noi non avessimo disattivato l'aumento di 23 miliardi di Iva, o alternativamente con l'avventura dello spread, lo scontro con l'Europa o forse persino uscita dall'euro?".

"L'Italia è un paese fondatore dell'Ue - ha detto ancora il titolare del Tesoro - questa roba retrograda, nazionalista non ha prospettiva non ha futuro, quello che è anomalo è che abbia una forza elettorale sproporzionata ma se governeremo bene, con stabilità, rafforzata anche da questa giornata, avremo gradualmente una riduzione e una esaurimento a una dimensione minore" delle forze populiste.

"Il paese non merita di avere forze con quelle cifre contrarie all'interesse della stragrande maggioranza dei cittadini italiani".

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Ultime dai Blog


www.finanza.com è gestito e mantenuto da T-Mediahouse s.r.l, Società sottoposta ad attività di direzione e coordinamento di Triboo S.p.A.
Sede legale e operativa: Viale Sarca 336, Edificio 16, 20126 Milano (MI), P. IVA, C.F. e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano-Monza-Brianza-Lodi 06933670967