Industria e servizi sul Ftse Mib, Mediobanca presenta effetto Covid: in primi nove mesi bruciati in Borsa €46 miliardi

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Redazione Finanza

19 novembre 2020 - 15:42

MILANO (Finanza.com)

Quali sono state le conseguenze della pandemia da coronavirus COVID-19 sulla borsa di Milano? Quanto ha inciso la crisi sulla capitalizzazione a Piazza Affari delle società quotate sul Ftse Mib di industria e servizi, e sui dati finanziari? L'area studi di Mediobanca ha diramato un rapporto, in cui sono elencate le ripercussioni della pandemia che ha scosso il mondo intero sulle società quotate.

INDUSTRIA E SERVIZI NEL FTSE MIB: BRUCIATI IN BORSA 46 MLD IN NOVE MESI

Nella sezione dedicata al Ftse Mib, "Ftse Mib: in nove mesi bruciati in borsa €46 miliardi, ma già in parte recuperati. Buona reazione della manifattura nel terzo trimestre", in riferimento alle 26 società industriali e di servizi dell'indice FTSE MIB, si legge quanto segue

"A fine settembre 2020 le società industriali e di servizi del FTSE MIB valgono in Borsa €318 miliardi e rappresentano il 76% della capitalizzazione totale (escluse finanza e assicurazioni). Complessivamente nei primi nove mesi del 2020 in Borsa sono stati bruciati €46 miliardi (-12,6% da inizio anno) a causa della pesante perdita del primo trimestre (-€83 miliardi, -22,8%), leggermente compensata della ripresa del secondo (+€38 miliardi, +13,7%); più lieve, invece, il calo del terzo trimestre (-€1miliardo -0,4%). Segnali di rialzo si sono invece registrati da fine settembre al 16 novembre con un recupero di €35 miliardi (+11,0%). A livello settoriale la capitalizzazione del petrolifero registra la contrazione maggiore (-51,8%), seguito dai servizi (-19,8%) e dalla manifattura (-8%). Tra le aziende che hanno migliorato le performance in Borsa nei primi nove mesi del 2020 spiccano DiaSorin (+48,4%), Amplifon (+19,7%), Recordati (+16,5%), Prysmian (+15,0%), Davide Campari-Milano (+13,8%) e Interpump Group (+12,3%).

"Nello stesso periodo le società analizzate hanno perso complessivamente ricavi per oltre €64 miliardi (-21,6%). Nel terzo trimestre la manifattura si è dimostrata più reattiva, evidenziando il maggior rimbalzo del fatturato (+56,1% rispetto al secondo trimestre), migliore rispetto al +39,1% dell'intero FTSE MIB. Sui nove mesi del 2020 i servizi hanno registrato il calo minore (-14,0%), davanti al comparto energia/utilities (-16,4%) e alla manifattura (-18,7%). Il decremento peggiore spetta, invece, al petrolifero con l'Eni a -39,7%. Tra le società brillano DiaSorin (+16,2%), l'unica a toccare una crescita a doppia cifra, Inwit (+6,4%), Snam (+3,9%), STM (+2,9%) e Terna (+1,7%)".

"Nei primi novi mesi del 2020 le società analizzate hanno perso oltre €18 miliardi a livello di margini industriali (-53,3%). Nonostante la contrazione rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente sia alta (-65,6%), nel terzo trimestre la manifattura è riuscita a invertire il trend tornando in positivo. Il calo minore (-2,2%) è registrato dal settore energetico/utilities, mentre l'Eni è passata in terreno negativo. Ebit margin pari al 6,8% nei nove mesi del 2020 (-4,5 p.p. sul 2019). Le energetiche/utilities si confermano le più resilienti, le uniche a registrare un incremento dell'ebit margin (+2,4 p.p, al 17,7%). Crollo a doppia cifra per il petrolifero con l'Eni (-14,9 punti percentuali, al -1,3%) e per i servizi (-14,5 p.p., al 9,2%). Più contenuto il calo della manifattura (-3,8 p.p.), il cui ebit margin torna positivo al 2,8%. Ammontano a oltre €20 mld i profitti persi complessivamente nei 9 mesi chiusi in rosso".

Solo il comparto energia/utilities e quello dei servizi hanno chiuso in utile; sono in perdita, invece, il petrolifero con l'Eni e la manifattura".

"Per quanto riguarda la struttura finanziaria si evidenzia un ulteriore deterioramento per tutti i settori, quale risultato dell'incremento dell'indebitamento (+12,1%) e della contrazione dei mezzi propri (-9,1%). Il rapporto debiti finanziari/capitale netto tocca ora quota 146,5% (dal 118,7% di fine dicembre 2019, +27,8 p.p. in nove mesi). A ricorrere maggiormente alla leva finanziaria è il settore dei servizi (rapporto debiti finanziari/capitale netto pari a 231,7%) e l'energia/utilities (163,7%). Seguono la manifattura (112,4%) e il petrolifero rappresentato da Eni (89,5%).

Il rapporto dell'area studi di Mediobanca analizza l'impatto della pandemia sui bilanci dei primi nove mesi del 2020 anche di oltre160 multinazionali industriali mondiali con fatturato annuale superiore a €3 miliardi.

MULTINAZIONALI INDUSTRIALI IN PRIMI NOVE MESI 2020: SETTORI A CONFRONTO

 "Nei primi 9 mesi del 2020 il fatturato delle multinazionali industriali analizzate è in contrazione del 4,3% su base annua, con il calo di alcuni settori compensato parzialmente dalla crescita di altri. WebSoft, GDO, elettronico e alimentare sono gli unici comparti ad aver incrementato il fatturato in tutti e tre i trimestri del 2020. Crescono le WebSoft (fatturato +18,4% a/a), seguite dalla GDO (+8,8%) e dal settore elettronico (+5,7%). Bene anche il Food (+3,7%), le aziende farmaceutiche (+3,1%) e le PayTech (+0,3%). Le multinazionali petrolifere (-32,3%) sono invece quelle più in difficoltà insieme al comparto aeronautico (-30,6%), alla Moda (-21,3%) e all'Automotive (-17,4%). Contrazione più contenuta, invece, per i settori Media&Entertainment (-9,4%), Bevande (-5,4%) e Telco (-1,8%)".

La nota dell'Area studi di Mediobanca continua:

"Anche i margini industriali (MON) sono in sofferenza (-22,8% in aggregato) con l'eccezione di GDO (+25,7%), WebSoft (+14,2%), Elettronica (+14,1%) e Food (+6%). Tra i settori che hanno subìto il più duro contraccolpo ci sono l'Aeronautico (che passa in territorio negativo), la Moda (-98,8%), il petrolifero (-66,6%) e l'Automotive (-65,8%). Meno netta, ma comunque importante, la contrazione del MON dei comparti Media&Entertainment (-31,1%), PayTech (- 16,7%) e Bevande (-16,5%). Discorso analogo per l'incidenza del margine operativo netto sul fatturato netto (ebit margin), pari al 13,2% nei 9 mesi del 2020, con un calo medio di -3 p.p. Il PayTech registra l'ebit margin più alto in assoluto, anche se in decrescita (27,4%; -5,6 p.p.). Seguono le multinazionali farmaceutiche (22,9%; -0,8 p.p.) e le elettroniche (19,7%; +1,5 p.p.), le uniche insieme alla GDO (+0,6 p.p.) e al Food (+0,5 p.p.) con un incremento dell'ebit margin. Calo a doppia cifra per la Moda (-11,1 p.p., allo 0,1%) e i costruttori di aeromobili (-10,6 p.p., al -6,4%). Il risultato netto nei primi 9 mesi del 2020 presenta il segno meno, con le WebSoft (+21,8%), la GDO (+19,2%) e il comparto elettronico (+11,6%) in forte controtendenza. Pesanti invece le ripercussioni per i mezzi di trasporto, la Moda e il petrolifero".

Vai alle quotazioni di:

Notizie su Interpump Group

Notizie su Recordati Ord

Notizie su Eni

Notizie su Amplifon

Notizie su Campari

Notizie su Prysmian

Notizie su Diasorin

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Finanza.com è una testata giornalistica registrata. Registrazione tribunale di Milano n. 829 del 26/11/2004
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967