Imprese: il 41% prevede meno investimenti nel 2020 come conseguenza del Covid

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Redazione Finanza

1 dicembre 2020 - 11:59

MILANO (Finanza.com)

La crisi provocata dall'epidemia di Covid-19 ha determinato per le imprese italiane, in particolare quelle del settore manifatturiero, una forte contrazione degli investimenti attesi nel 2020. In particolare, dall'indagine della BEI sugli investimenti (BEI Investment Survey 2020) emerge che il 41% delle imprese italiane prevede piani di investimento ridimensionati per il 2020 in conseguenza dell'epidemia.

In Italia le imprese che si aspettano un deterioramento del contesto politico/regolamentare, del clima economico, delle prospettive di business e della disponibilità di finanziamenti interni nei prossimi 12 mesi sono più numerose rispetto a quelle che prevedono invece un miglioramento in questo senso. Quasi il 96% delle imprese italiane intervistate vede l'incertezza sul futuro come un importante impedimento. La percentuale di imprese che si pronunciano in questo senso è aumentata rispetto alla precedente edizione dell'indagine ed è anche leggermente più elevata rispetto alla media dell'Ue, pari all'81%.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Finanza.com è un allegato di Finanzaonline, periodico telematico reg. Trib. Roma
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967