Gualtieri: tutti avevano pronosticato autunni caldi, ma Paese in piedi. Su Recovery Fund progetti siano concreti'

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Laura Naka Antonelli

18 settembre 2020 - 12:53

MILANO (Finanza.com)

"Tutti avevano pronosticato autunni caldi e disatri, siamo colpiti ma il Paese è ancora in piedi". Così il titolare del Tesoro ai microfoni di LA7, in occasione della tramissione Omnibus:

"Noi monitoreremo la situazione, la situazione è migliore delle previsioni ma nessuno sa dire quale sarà l'evoluzione. E' bene essere fiduciosi e saremo pronti ad affrontare qialsasi scenario", ha continuato il titolare del Tesoro. Sul Recovery Fund, il titolare del Tesoro ha ricordato che i piani per la realizzazione dei quali l'Italia otterrà le risorse dovranno essere realizzati nei tempi previsti. Altrimenti, "succede che non arrivano i soldi". Di conseguenza, "vanno scelti bene i programmi".

"Da un parte bisogna essere ambiziosi, dall'altro bisogna che questi progetti siano concreti, realizzabili e che diano garanzia che possano essere portati a termine negli anni del Recovery", ha puntualizzato Gualtieri. "E questo è uno degli elementi che stiamo tenendo in considerazione con grande attenzione".

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

www.finanza.com è gestito e mantenuto da T-Mediahouse s.r.l, Società sottoposta ad attività di direzione e coordinamento di Triboo S.p.A.
Sede legale e operativa: Viale Sarca 336, Edificio 16, 20126 Milano (MI), P. IVA, C.F. e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano-Monza-Brianza-Lodi 06933670967