Galassia Agnelli in panne: Exor cede quasi 6% dopo stop vendita PartnerRe, giù anche Fca

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Daniela La Cava

13 maggio 2020 - 11:05

MILANO (Finanza.com)

Seduta in panne per i due titoli della galassia Agnelli, Exor e Fca che si posizionano sul fondo del Ftse Mib con ribassi rispettivamente di quasi il 6% e ci circa il 3 per cento.

Sotto la lente del mercato la notizia del passo indietro francesi sull’acquisto della compagnia di riassicurazione PartnerRe. Ieri sera la holding della famiglia Agnelli ha ufficializzato il passo indietro dei francesi che si sono sfilati dall'operazione da 9 miliardi di dollari annunciata all'inizio di marzo. Secondo quanto riportato da "Il Sole 24 Ore" Covea avrebbe chiesto uno sconto di 2 miliardi di dollari. Il cda "ha preso atto delle prospettive positive per PartnerRe, che gode di alcuni parametri di capitale e liquidità tra i più elevati nel settore della riassicurazione globale e non si prevede che risentano in modo significativo dello scoppio di Covid-19", e "quindi ha ribadito la sua ferma convinzione che una vendita di PartnerRe a condizioni inferiori a quelle stabilite nel Mou non riflette il valore della società".

Secondo l'analisi di Equita "la notizia è indubbiamente negativa, ma lo sconto sul Nav del 33% cui tratta attualmente resta eccessivo: ben superiore al 23% medio dal 2008 e con la fusione Fca-Psa il profilo di rischio nettamente migliora". Equita segnala inoltre che "Exor da oltre un mese tratta intorno al 40% di sconto sul Nav (calcolato assumendo la cessione di PartnerRe in base ai termini annunciati) scontando già i timori relativi ad una revisione delle condizioni o alla cancellazione del deal".

Dal punto di vista qualitativo, aggiungono gli esperti della sim milanese "Exor dimostra comunque di non avere la necessità di vendere e manda un messaggio forte a coloro che ipotizzano una revisione dei termini della fusione con Psa, dimostrando di non essere disposta a modificare le condizioni degli accordi firmati (e forse anche per questo l’ipotesi di uno sconto su PartnerRe non è stata presa in considerazione)".

Gli analisti di Mediobanca Securities hanno confermano la raccomandazione 'outperform' ma hanno rivisto al ribasso il target price di Exor, portandolo a 62 euro da quota 86 per riflettere "il minore appeal nell'M&A e le condizioni di mercato attuali".

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Ultime dai Blog


www.finanza.com è gestito e mantenuto da T-Mediahouse s.r.l, Società sottoposta ad attività di direzione e coordinamento di Triboo S.p.A.
Sede legale e operativa: Viale Sarca 336, Edificio 16, 20126 Milano (MI), P. IVA, C.F. e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano-Monza-Brianza-Lodi 06933670967