Fase 2: Inps, più contagiati Covid-19 nelle province con più occupati nei settori essenziali

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Valeria Panigada

24 aprile 2020 - 12:49

MILANO (Finanza.com)

Il
numero dei contagiati da Covid-19 è cresciuto più velocemente nelle province in cui è più elevato il numero di lavoratori nelle attività essenziali, cioè quelle attività che non sono state bloccate in quanto di prima necessità e hanno quindi continuato a essere svolte anche dopo le misure di lockdown introdotte dal governo. Questa evidenza suggerisce, in modo indiretto, che le misure di lockdown hanno limitato la diffusione del contagio, e questo effetto di contenimento è minore nelle province dove le limitazioni erano meno stringenti a causa della maggiore quota di rapporti di lavoro essenziali. È quanto emerge da uno studio effettuato dalla direzione centrale Studi e Ricerche dell’Inps, in vista della Fase 2, ossia della riapertura progressiva. Negli ultimi giorni considerati, lo studio mostra come nei settori che si collocano sopra la fascia mediana dei settori essenziali, vi sono in media 10 contagiati in più al giorno, un numero non trascurabile dato che la media provinciale giornaliera dei contagiati dopo il 22 marzo è di 37 (l’impatto è circa il 25% della media).

Tutte le notizie su: coronavirus Italia

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

www.finanza.com è gestito e mantenuto da T-Mediahouse s.r.l, Società sottoposta ad attività di direzione e coordinamento di Triboo S.p.A.
Sede legale e operativa: Viale Sarca 336, Edificio 16, 20126 Milano (MI), P. IVA, C.F. e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano-Monza-Brianza-Lodi 06933670967