Evasione: 2 affitti in case vacanza su 3 sono irregolari. Alle Cinque Terre l'80% dichiara meno camere

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Valeria Panigada

13 agosto 2019 - 16:36

MILANO (Finanza.com)

Affitti con evasione fiscale per le case vacanze. Dai controlli estivi della Guardia di Finanza è emerso che due locazioni su tre sono in nero. Non solo. L'evasione fiscale nel settore immobiliare vede anche operatori che dichiarano meno camere e posti letti di quelli effettivi e addirittura bed & breakfast abusivi.

L'evasione fiscale nel settore immobiliare
Dei 404 controlli complessivamente svolti da inizio giugno allo scorso 5 agosto tra i proprietari di seconde e terze case, due affitti su tre sono risultati irregolari. 1.680 le violazioni rilevate. In Sardegna, Puglia, Toscana, Emilia Romagna e Lazio i casi più numerosi.

Cinque terre: aggiungi un posto in camera. L’80% degli operatori turistici controllati ha dichiarato agli Enti territoriali competenti di disporre di un numero di camere e/o posti letto inferiore a quelli effettivamente riscontrati all’atto delle ispezioni. Ricavi non dichiarati per oltre 1 milione di euro e Iva evasa per oltre 140.000 euro.

A Catania B&B inesistenti per il fisco, ma cliccatissimi online. Individuate 11 strutture ricettive irregolari di cui 5 completamente abusive perché sprovviste delle necessarie autorizzazioni di inizio attività rilasciate dal Comune e non in regola con gli obblighi tributari. Denunciati all’Autorità Giudiziaria 8 gestori per aver omesso di comunicare alla Questura i nominativi dei loro clienti o per aver effettuato dichiarazioni mendaci circa il numero di posti letto autorizzati.

Frodi nel settore dei carburanti
Ma non solo immobiliare. Nel corso della stagione estiva particolare attenzione è stata dedicata al contrasto delle frodi nel settore dei carburanti. Per esempio, a Napoli è stato scoperto un vasto traffico di gasolio di contrabbando che, in soli tre mesi, ha portato all’evasione dell’accisa di oltre 17 milioni di euro. Sempre nell’hinterland partenopeo, sono state sequestrate 4 stazioni di servizio in cui erano stati manomessi gli impianti di erogazione per frodare i clienti.

Controlli valutari presso valichi, porti e aeroporti
Ce n’è anche per chi tenta di portare denaro all’estero senza dichiararlo. Sono stati 2.556 gli interventi svolti presso i valichi di frontiera, i porti e gli aeroporti con 845 violazioni riscontrate. Ammonta a oltre 20 milioni di euro - di cui 324 mila euro sequestrati - il valore della valuta e dei titoli non dichiarati e intercettati al seguito dei viaggiatori. Un esempio? Al porto di Brindisi, un autista albanese è stato denunciato per ricettazione dopo che sul suo pullman i Finanzieri hanno trovato 130mila euro in contanti nascosti in uno scompartimento occulto.

Lavoro in nero
Denunciate 56 persone per l’impiego di manovalanza in nero o, comunque, regolarizzati solo in parte: sono 6.483 i lavoratori (di cui il 42% stranieri e 24 minori) sottratti, dall’inizio dell’estate, allo sfruttamento del lavoro (il triplo rispetto a quelli scoperti nello stesso periodo nel 2018).

Tutte le notizie su: evasione fiscale, case vacanza

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Ultime dai Blog


Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]